menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gdf: sequestrate 30mila pantofole del Napoli (FOTO)

Un carico che avrebbe fruttato al venditore tra i 200 e i 300mila euro: sempre più dura la battaglia di Guardia di Finanza e Ufficio Dogane per la tutela del made in Italy

Sono state sequestrate in Porto dalla Guardia di finanza 15mila paia di pantofole del Napoli contraffatte, un carico che avrebbe fruttato al venditore tra i 200 e i 300mila euro. Un'operazione portata a compimento in sinergia con il servizio antifrode dell'Ufficio delle dogane di Trieste. Le ciabatte avevano segni distintivi (colori sociali, data di fondazione, scritta “Napoli”) riconducibili alla Società Sportiva Calcio Napoli, provenivano dalla Cina ed erano state acquistate da una società di diritto italiano, per poi essere destinate a una società slovacca. Il responsabile dell’azienda destinataria è stato denunciato per aver messo in circolazione prodotti con segni distintivi ingannevoli sull’origine, provenienza o qualità dell’opera.

La tutela del "Made in Italy"

Il sequestro è avvenuto nel Punto Franco Nuovo di Trieste nell'ambito delle molte operazioni di tutela del “made in Italy” e dei marchi e brevetti, nell’interesse e per la salvaguardia del consumatore e dei titolari dei diritti di proprietà intellettuale. Sempre più numerosi, infatti, i tentativi di introdurre nel territorio nazionale e comunitario prodotti che riportano false diciture e che presentano caratteristiche al di sotto degli “standard” di qualità garantiti da marchi e brevetti depositati. Questo commercio illecito produce anche un effetto distorsivo sul mercato in termini di concorrenza sleale. 

PHOTO-2018-10-24-15-34-56-2

PHOTO-2018-10-24-15-36-10-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

"Brodo brustolà", antica ricetta della tradizione contadina triestina

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Covid: 277 casi e sette decessi, calano ricoveri e isolamenti

  • Cronaca

    Ristori per far fronte alla crisi, le osmize riceveranno 700 euro

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento