menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gdf, falsi "made in Italy": sequestrati 39mila capi di biancheria intima a Gorizia

Interamente prodotti in Ungheria, i capi di vestiario riportavano sulle confezioni e sulle etichette interne il “tricolore italiano” e la dicitura “100% prodotto italiano”.

Ancora un intervento finalizzato a contrastare il commercio di beni riportanti la falsa indicazione di origine italiana è stato compiuto nelle scorse settimane dai militari della Sezione Operativa Pronto Impiego della Compagnia di Gorizia, i quali, dopo aver fermato un furgone proveniente dalla Slovenia, hanno rinvenuto e sequestrato 6.811 capi di biancheria intima interamente prodotti in Ungheria, ma riportanti sulle confezioni e sulle etichette interne il “tricolore italiano” e la dicitura “100% PRODOTTO ITALIANO”.

Dalla verifica della documentazione commerciale e di trasporto esibita dal conducente, bloccato a Gorizia nei pressi del valico di confine “Sant’Andrea”, è emerso che i capi d’abbigliamento sarebbero stati consegnati ad un’azienda con sede in provincia di Pordenone che li avrebbe venduti attraverso la propria rete, ubicata tra il Veneto ed il Friuli Venezia Giulia.

Le successive perquisizioni dell’azienda importatrice e l’esame delle fatture di acquisto, hanno consentito di sequestrare ulteriori 32.563 articoli di biancheria, per un totale di 39.374 prodotti, nonché di accertare che la società pordenonese, a partire dal 2013, ha acquistato dalla società ungherese ed in seguito commercializzato ben 102.624 capi con le medesime caratteristiche di quelli intercettati al confine goriziano.

I sequestri e le perquisizioni d’iniziativa sono stati in seguito convalidati dalle Autorità Giudiziarie di Gorizia e Pordenone, mentre una consulenza tecnica disposta dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Pordenone ha confermato la falsa indicazione di origine italiana dei prodotti.

L’amministratore dell’impresa pordenonese si è reso responsabile del reato di falsa indicazione di origine, punito fino a 2 anni di reclusione e con la multa massima di ventimila euro, mentre la società interessata all’illecito traffico è stata denunciata dalle fiamme gialle goriziane per responsabilità amministrativa, essendo il suo amministratore autore di una violazione penale che configura la responsabilità dell’ente per gli illeciti dipendenti da reato.

L’attività d’indagine svolta dalla Guardia di Finanza di Gorizia rientra nei costanti controlli sull’origine delle merci importate attraverso i valichi di confine con la Slovenia, finalizzati a tutelare i consumatori e gli operatori economici onesti da coloro che tentano di lucrare, utilizzando in modo fraudolento l’attestazione di origine italiana.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

"Brodo brustolà", antica ricetta della tradizione contadina triestina

social

Porzina con senape e kren: la ricetta della tradizione triestina

social

"Paga per sbloccare il pacco": la nuova truffa via sms

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento