Cronaca

Nasce il fondo dedicato a Gianni Cergol, l'alpinista morto dopo un malore a Sistiana

Il Soccorso Alpino e Speleologico del Friuli Venezia Giulia ha aperto un conto corrente per sostenere la memoria del giovane deceduto

foto Facebook CNSAS FVG

La famiglia del 38enne alpinista triestino Gianni Cergol, morto lo scorso 15 settembre a causa delle conseguenze di un malore di cui era rimasto vittima a Sistiana alcuni giorni prima, vive un momento delicato e per sostenere la moglie Cristina ed neonato Luca il Soccorso Alpino e Speleologico del Friuli Venezia Giulia si è messo in moto. 

Per ribadire l'affetto che legava il Soccorso Alpino con "Giannetti" - figlio del grande scalatore Luciano, scomparso negli anni Ottanta in seguito ad un drammatico incidente sul Montasio - il Servizio Regionale ha aperto un conto corrente dedicato, "dove raccogliere le donazioni che verranno poi devolute alla famiglia". Chi volesse supportare Cristina può utilizzare le seguenti coordinate bancarie. 

Intesa San Paolo, c/c 1000 174506

IBAN IT80 S030 6909 6061 0000 0174 506

Causale: “FONDO SOLIDARIETA’ CNSAS GIANNI CERGOL”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nasce il fondo dedicato a Gianni Cergol, l'alpinista morto dopo un malore a Sistiana

TriestePrima è in caricamento