Cronaca

Giardini inquinati, Giorgi (Fi): «Traffico e Ferriera le cause principali»

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TriestePrima

«È enorme la preoccupazione per i dati di inquinamento dei giardini! Soprattutto per quello che riguarda le scuole ma, ancor di più, per tutti i siti che non rientrano nei 12 campionati». Lo rileva il capogruppo del Pdl in consiglio comunale e candidato al consiglio comunale con Forza Italia Lorenzo Giorgi.

«Proprio su questo deve ragionare l'amministrazione per dare risposte alle preoccupazioni dei cittadini. Perché se gran parte delle aree analizzate risultano inquinate, bisogna estendere la verifica a tutti gli spazi verdi della città. Ma bisogna esigere anche risposte su tempi e modi certi, con cui l'amministrazione intende affrontare questo problema».

«Ma il nodo cruciale in questa città, purtroppo, resta sempre quello; perché se i dati parlano chiaro per via Giulia, con evidente ricaduta lì del problema di un traffico sempre presente davanti il giardino pubblico, dove non c'è scorrimento dei mezzi ed incolonnamenti e autoveicoli in fermata sono nell'ordine delle cose, anche i dati riferiti alla zona di Servola non possono far altro che preoccupare».

«Ed è lampante che, non sussistendo in quella zona particolari problematiche legate al traffico, l'inquinamento di Servola e Chiarbola è l'evidente prova del pericolo, per la salute dei triestini, che proviene dall'area a caldo della ferriera ma se ora i giardini di Servola e della zona verranno chiusi quando, piuttosto, chiuderemo la loro principale fonte di inquinamento?».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giardini inquinati, Giorgi (Fi): «Traffico e Ferriera le cause principali»

TriestePrima è in caricamento