rotate-mobile
Giovedì, 22 Febbraio 2024
Cronaca

Droga, inciviltà e degrado: torna l'idea del custode in Giardino Pubblico

Giorgio Cecco, coordinatore circoscrizionale della Lista Dipiazza plaude all'idea del sindaco

"Bene che il Sindaco voglia ripristinare la figura del custode nel giardino pubblico Muzio De Tommasini di via Giulia, cosa personalmente e come gruppo, più volte richiesta e proposta". Queste le parole di Giorgio Cecco, coordinatore dei circoscrizionali della Lista Dipiazza e coordinatore di ProgettoFvg insieme ad Adriano Toffoli, consigliere in Terza Circoscrizione.

"Da tener presente che oltre alla droga, nel suddetto giardino ci vengono segnalati ulteriori atti di inciviltà, di bullismo, contro il patrimonio e il decoro pubblico, cose note da tempo e le forze dell'ordine sono più volte intervenute, utile sarebbe dare un supporto alle stesse in qualche modo, una volta nei giardini comunali c'era un custode preposto anche ai controlli, figura che si potrebbe pensare di ripristinare pure in altri dei principali parchi cittadini". 

Per Cecco dovrebbe essere messo in atto "non in sostituzione alle forze dell'ordine" ma garantire "una presenza fissa e autorevole potrebbe essere utile per le segnalazioni di situazioni a rischio come lo spaccio e la sicurezza in generale, la tutela del verde, del patrimonio e appunto del decoro pubblico". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Droga, inciviltà e degrado: torna l'idea del custode in Giardino Pubblico

TriestePrima è in caricamento