Giornata della Memoria, Cosolini: «Contro ogni forma di intolleranza»

Il discorso del Sindaco alla Risiera di San Sabba era mirato a evidenziare come piccoli atteggiamenti di intolleranza, se ignorati, possono condurre a una tragedia

In occasione della Giornata della Memoria il sindaco Roberto Cosolini ha tenuto un discorso alla Risiera di San Sabba.

Il Sindaco ha voluto ricordare come la tragedia della Shoah sia stata il risultato di «ideologie dissennate e criminali» e che bisogna sempre mantenersi vigili affinché nulla di simile possa mai ripetersi.

Cosolini ha poi riportato alla memoria l’assalto alla sede del Charlie Hebdo e ha dichiarato che quello è stato un attacco «agli stessi pilastri della civiltà occidentale: la dignità, l’eguaglianza, la solidarietà e la libertà degli esseri umani».

Il discorso è proseguito, descrivendo Trieste come una città «edificata all’insegna dei Lumi», cosmopolita, in cui numerose culture si sono da sempre incontrate attraverso mezzi quali il commercio e l’economia facendo della tolleranza uno dei capisaldi della società.

Il Sindaco ha poi emesso un monito, ricordando che i piccoli atteggiamenti di intolleranza e xenofobia che oggi affliggono la società, se ignorati, anche se non paragonabili alle atrocità della Shoah, possono portare nel tempo a tragedie simili. Per questo resta di vitale importanza il ricordare gli oscuri eventi di settant’anni fa.

Di seguito il discorso completo riportato dallo stesso Sindaco sulla sua pagina Facebook.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Non si potrà fare nulla senza di noi": anche a Trieste i manifesti contro Di Maio

  • Coronavirus, dichiarato lo stato d'emergenza in FVG

  • Blocco totale in Regione, ecco l'ordinanza di chiusura

  • Schianto fatale in moto a Monfalcone: morto un 38enne triestino

  • Far west in strada per Opicina, fugge all'alcoltest e aggredisce un carabiniere: arrestato

  • Emergenza Coronavirus, chiude l'Università di Trieste

Torna su
TriestePrima è in caricamento