La Meloni spinge sulla revoca della medaglia a Tito: "Via subito"

La leader di Fratelli d'Italia è intervenuta questa mattina a margine della cerimonia per il Giorno del Ricordo svoltasi a Basovizza. "Combattere contro il continuo negazionismo che si moltiplica e che invece di diminuire, aumenta"

"Penso che una cosa ancora da fare sia revocare la medaglia con la quale venne insignito il maresciallo Tito dalla Repubblica italiana, perché non credo ci sia niente di meritevole in quella onorificenza". A dirlo è la leader di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni che questa mattina è intervenuta a margine della cerimonia per il Giorno del Ricordo svoltasi alla foiba di Basovizza a Trieste. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Chi nega le foiba è un folle", le parole di Salvini

"Credo che una Nazione normale abbia il dovere di rendere quel ricordo concreto nella quotidianità - ha ricordato la Meloni-. Bisogna combattere contro il continuo negazionismo che si moltiplica e che, invece di diminuire, aumenta". La leader del partito sovranista è tornata anche sull'evento organizzato al Senato in occasione del 10 febbraio. "Quest'anno abbiamo dovuto combattere contro convegni al Senato della Repubblica fatti per negare, per minimizzare o per riscrivere la Storia, tutto ciò è intollerabile. E' indegno di una Nazione degna di questo nome - ha concluso la Meloni - anteporre la propria ideologia al ricordo dei propri connazionali". 

Il blitz di Casa Pound a Opicina, Bagnoli e Muggia

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco spacca una bottiglia sul bancone del bar e aggredisce i colleghi: tassista triestino denunciato

  • Scomparsa nel 2019, il suo cadavere a Miramare sette mesi dopo: la vittima si chiamava Karin Furlan

  • Referendum: Trieste la provincia italiana con la più alta percentuale di no

  • Incidente in galleria Carso: quattro auto coinvolte e strada chiusa

  • Diciassettenne scomparsa da giorni in Carso, l'appello della polizia slovena

  • Malasanità: bimba morta in ospedale, Trieste sede neutrale dell'incidente probatorio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento