Fedriga dal palco di Basovizza: "Basta soldi pubblici a chi nega le foibe"

Il governatore del Friuli Venezia Giulia ha ribadito posizioni già espresse in passato. "Sia raccontata la verità, perché per troppo tempo è stata negata"

"Per chi vuole negare, ridurre o giustificare la sofferenza e la morte inferte con le foibe non serve la censura: contro questa follia è necessario semplicemente che sia raccontata la verità, perché per troppo tempo è stata negata". Con queste parole è intervenuto il governatore della Regione Friuli Venezia Giulia Massimiliano Fedriga durante la cerimonia per il Giorno del Ricordo svoltasi questa mattina alla foiba di Basovizza a Trieste. 

Giorgia Meloni a Basovizza: "Via subito la medaglia a Tito"

Le parole del governatore

Il discorso di Fedriga - prima volta che un presidente di Regione si trova tra i relatori nel cerimoniale del 10 febbraio - ha voluto condannare "chi ha criticato il Presidente della Repubblica per l'estrema chiarezza con la quale ha parlato dei crimini perpetrati dai comunisti a danno delle genti di questa terra".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'esponente leghista, che ha incassato l'applauso del leader del Carroccio Matteo Salvini, ha ribadito l'appello "affinché non si eroghino più soldi pubblici ad associazioni che promuovono il negazionismo". Chiaro il riferimento all'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia. Fedriga infine ha voluto ringraziare "i tanti docenti che hanno accompagnato gli studenti di tutt'Italia all'odierna celebrazione alla Foiba di Basovizza per far conoscere loro tragedie che hanno causato lacrime e sofferenze a chi aveva la sola colpa di essere italiano".

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa nel 2019, il suo cadavere a Miramare sette mesi dopo: la vittima si chiamava Karin Furlan

  • Referendum: Trieste la provincia italiana con la più alta percentuale di no

  • Incidente in galleria Carso: quattro auto coinvolte e strada chiusa

  • Diciassettenne scomparsa da giorni in Carso, l'appello della polizia slovena

  • Si accascia al suolo in via delle Torri: cinquantenne a Cattinara

  • Malasanità: bimba morta in ospedale, Trieste sede neutrale dell'incidente probatorio

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento