Giorno del Ricordo, Shaurli: "CRP Padriciano è luogo simbolo dell'Esodo"

Il segretario regionale del PD, in occasione del Giorno del Ricordo è stato oggi in visita al Museo di carattere nazionale del Centro Raccolta Profughi di Padriciano

"Uno dei luoghi simbolo dell'Esodo istriano, un luogo che tutti i cittadini dovrebbero conoscere, a partire dalle scuole e da chi ha a cuore la storia dell'Italia e del nostro martoriato confine orientale". Sono le parole del segretario regionale del Pd Fvg Cristiano Shaurli, che in occasione del Giorno del Ricordo è stato oggi in visita al Museo di carattere nazionale del Centro Raccolta Profughi di Padriciano, dove è stato accolto dal presidente dell'Unione degli Istriani Massimiliano Lacota, dalla vicepresidente vicaria Nelia Verginella e dal segretario generale Raffaele Tamaro.

Qui l'Unione degli Istriani gestisce il bene allestendo un'esposizione permanente a testimonianza storica di tutto ciò che ha significato per gli esuli istriani e dalmati l'esperienza nel Crp, attraverso le ricostruzioni offerte da diverso materiale didattico ed espositivo, foto d'epoca, documenti originali, pannelli esplicativi, planimetrie, nonché dalle masserizie provenienti dai magazzini del Porto vecchio di Trieste.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Foibe: a Trieste le prime pietre d'inciampo per le vittime

"Si riparta dalla storia"

"Qui - ha ricordato Shaurli - migliaia e migliaia di persone sono passate, dopo aver abbandonato le proprie case e tutto quel che avevano per poi andare in ogni angolo del mondo. Qui hanno sofferto e patito condizioni estreme di disagio. In un momento in cui si usano spesso queste giornate per tirare politicamente per la giacca queste tragedie, si riparta dalla storia e dalla conoscenza di cosa furono questi luoghi, del dramma di centinaia di migliaia di italiani che furono espulsi dalla loro terra natale".Il presidente Lacota, da parte sua, ha esposto i progetti di valorizzazione del Museo, più concreti dopo la firma di apposito protocollo d'intesa tra la Regione Fvg e l'Unione degli Istriani, cui sono seguiti bandi che hanno permesso di ottenere risorse da dedicare alla ristrutturazione e agli allestimenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid 19: 45 nuovi contagi in Fvg, 11 a Trieste

  • Primo caso a scuola a Trieste, tre docenti e 21 alunni della Gaspardis in quarantena

  • Morto in Costiera, addio al presidente del gattile di Trieste Giorgio Cociani

  • Malore in acqua, il giovane alpinista Gianni Cergol non ce l'ha fatta

  • Malore in acqua al Pedocin, morto bagnante di 56 anni

  • Sfonda la porta di casa del cugino ai domiciliari e l'accoltella: arrestato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento