Giovani ladre arrestate e denunciate dalla Polizia: avevano arnesi da scasso e monili d'oro

Gli agenti le hanno individuate lungo le rive e monitorate per poi perquisire loro e l'auto sulla quale viaggiavano

Nell’ambito della intensificazione dei servizi di prevenzione e repressione dei reati, in particolare quelli contro il patrimonio, predisposti in occasione del ponte del primo maggio, nel tardo pomeriggio dello scorso 29 aprile, le pattuglie della Squadra Mobile della Questura, hanno individuato lungo le rive due donne che sono state seguite fino al momento in cui sono giunte presso un’auto; una volta salite a bordo una delle due è stata notata mentre occultava un qualcosa sotto il rivestimento della parte superiore dell’abitacolo.

Intorno alle 19 le due sono state raggiunte da altre due giovani di orgine serba, poi risultate minori e, dopo poco, il veicolo ha lasciato il parcheggio, ma subito è stato fermato e sottoposto a controllo dagli operatori della Polizia di Stato. L'intuizione ha consentito di rinvenire alcuni monili e arnesi atti allo scasso (tra cui due cacciaviti); inoltre, occultato sotto la copertura del tetto del mezzo, un ritaglio rigido in plastica, solitamente utilizzato per l’apertura delle porte chiuse con il solo battente.

Peraltro, da successivi controlli, una delle maggiorenni (entrambe gravate da precedenti per reati contro il patrimonio) è risultata destinataria di un ordine di esecuzione per la carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica c/o il Tribunale di Palermo, dovendo espiare pena detentiva per il reato di possesso ingiustificato di chiavi alterate o grimaldelli; per tale motivo, è stata arrestata e condotta nel carcere di via del Coroneo.

Le donne invece sono state denunciate alla Procura della Repubblica di Trieste per il possesso di arnesi atti allo scasso e per la ricettazione dei monili rinvenuti nella loro disponibilità e dei quali non hanno saputo dare contezza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Class action contro il "Sogno del Natale", molti triestini chiedono il rimborso dei biglietti

  • Incidente in strada nuova per Opicina: due minorenni feriti, uno grave

  • Terribile schianto in Slovenia, morto sul colpo un triestino di 89 anni

  • Dito medio e "dentro no son proprio andà", pluripregiudicato di Muggia ai domicilari

  • Roma boccia l'abbattimento della Tripcovich, Dipiazza su tutte le furie: "Oggi me ne andrei dall'Italia"

  • Strada nuova per Opicina, terzo schianto in meno di 24 ore

Torna su
TriestePrima è in caricamento