Cronaca

Giuliani "alla ricerca delle proprie radici": ricevuti in municipio i partecipanti allo stage

Ultimi giorni dello stage formativo culturale annuale "Alla scoperta delle proprie radici" organizzato dall'Associazione Giuliani nel Mondo. Il Sindaco Roberto Dipiazza ha loro illustrato le principali “ultime novità” di Trieste, e in particolare gli sviluppi economici, con i progressi del porto, le prospettive di incremento dei traffici con la “nuova Via della Seta”, la “grande scommessa” del riuso e di riqualificazione del Porto Vecchio, le eccellenze scientifiche e l'alta qualità della vita con conseguente nuova forte attrazione turistica.

Prosegue e si sta avviando a conclusione in questi giorni la 21° edizione dello Stage formativo culturale ”Alla scoperta delle proprie radici”, organizzato annualmente dall'Associazione Giuliani nel Mondo per far conoscere ai giovani discendenti da emigrati giuliani e istriani il nostro territorio e le sue attuali realtà e istituzioni, politiche, economiche e scientifiche, nonché i principali aspetti e siti storici, culturali e paesaggistici.

Nei giorni scorsi gli 11 ragazzi partecipanti, provenienti per la maggior parte dall'America Latina (con quattro argentini, due brasiliane, una cilena e un'uruguayana), nonchè da Canada, Sud Africa e Australia (con un “rappresentante” per ognuno di questi Paesi), hanno visitato il Collegio del Mondo Unito e il Castello di Duino, la Grotta Gigante e il Castello di Miramare, il Museo Postale, l’Area di Ricerca, il MIB, la Prefettura e la Regione (con incontri al Consiglio e alla Presidenza della Giunta), la Cattedrale di San Giusto, la cittadina di Muggia, il quotidiano “Il Piccolo”, e, per un “riscontro” dei drammi del '900, la Foiba di Basovizza, la Risiera di San Sabba, l'ex Campo profughi di Padriciano, l'IRCI e il Civico Museo della Civiltà istriana, fiumana e dalmata.

In Municipio i giovani, accompagnati dal Presidente dell'AGM Dario Locchi con il direttore Fabio Ziberna, e qui presenti anche alcuni del “Gruppo Anziani” dell'Associazione (di vari Circoli Giuliani delle Americhe, Sudafrica e Australia, tra i quali i presidenti Eligio Clapcich di New York e Paolo Pison di Queretaro-Messico), sono stati accolti dal Sindaco Roberto Dipiazza che ha loro illustrato le principali “ultime novità” di Trieste, e in particolare gli sviluppi economici, con i progressi del porto, le prospettive di incremento dei traffici con la “nuova Via della Seta”, la “grande scommessa” del riuso e di riqualificazione del Porto Vecchio, le eccellenze scientifiche e l'alta qualità della vita con conseguente nuova forte attrazione turistica. Dipiazza ha anche parlato della sua ormai lunga esperienza di Sindaco, sottolineando – qui rivolgendosi specialmente ai giovani – la gratificazione che un impegno pubblico, nel segno della correttezza e del lavoro per la propria comunità, può dare a chi abbia questa vocazione.

Il Presidente Locchi ha quindi ricordato lo scopo precipuo dell'Associazione, appunto quello – come recita la denominazione stessa di questo Stage annuale - di tramandare nei giovani “le radici”, ovvero il ricordo delle vicende storiche e degli antenati che ne furono protagonisti ma anche i valori che furono alla base di una cultura e di difficili scelte di vita; nel contempo – ecco il fine “immediato” di questi viaggi di istruzione – portando questi ragazzi a conoscere la realtà attuale delle terre dei loro progenitori, le istituzioni, la cultura, il pensiero, la vita reale delle regioni adriatiche d'oggi. Dario Locchi ha quindi vivamente ringraziato il Comune di Trieste - socio fondatore dell'AGM 48 anni or sono assieme alla Provincia e alle corrispondenti Amministrazioni goriziane - nonchè la Regione Friuli Venezia Giulia per il suo fondamentale sostegno all'iniziativa. Ma uno speciale ringraziamento personale lo ha voluto rivolgere proprio al Sindaco Dipiazza, “per l'amicizia, l'affetto e la grande attenzione con cui il primo cittadino ha sempre seguito – fin da quando era Sindaco di Muggia – le vicende dei Giuliani e le necessità dell'Associazione”.

Nei giorni precedenti il gruppo aveva svolto un ampio giro conoscitivo nell'area giuliano-goriziana visitando Fogliano Redipuglia, Monfalcone e Gorizia (incontrando i rispettivi Sindaci e la Fondazione CARIGO), nonché Capriva e Staranzano (qui con una visita alla Banca di Credito Cooperativo di Staranzano e Villesse), compiendo inoltre una gita di un giorno a Venezia.

Domani (venerdì 27) i partecipanti allo Stage si recheranno invece in Istria, compiendo visite in particolare a Rovigno e a Momiano.

Sabato 28, ultima tappa triestina al Faro della Vittoria, prima della conclusione e delle partenze previste fra domenica e lunedì.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giuliani "alla ricerca delle proprie radici": ricevuti in municipio i partecipanti allo stage

TriestePrima è in caricamento