Venerdì, 24 Settembre 2021
Cronaca

Grande guerra: «La Regione intende essere da stimolo ad accrescerne la conoscenza»

18.12 - Lo ha riferito l'assessore regionale alla cultura Torrenti a margine dell'inaugurazione, oggi nel Palazzo della Prefettura, a Trieste, della mostra "..... Nel pensare alla pace dei altri anni mi si straccia il cuore" - La Grande Guerra nelle fonti dell'Archivio di Stato di Trieste e in alcune collezioni cittadine"

La Regione Friuli Venezia Giulia intende essere  da stimolo ad accrescere la conoscenza degli anni della Grande  Guerra e dei periodi storici successivi, favorendo lo sviluppo di  nuove ricerche ed analisi e, contestualmente, promuovendo un  censimento di tutti gli studi compiuti finora, per ordinarli e  renderli maggiormente fruibili.

Lo ha detto l'assessore regionale alla cultura, Gianni Torrenti a margine dell'inaugurazione, oggi nel Palazzo della Prefettura,  a Trieste, della mostra "..... Nel pensare alla pace dei altri  anni mi si straccia il cuore" - La Grande Guerra nelle fonti  dell'Archivio di Stato di Trieste e in alcune collezioni  cittadine", che rimarrà aperta al pubblico fino al prossimo 18  novembre.

Raccogliendo la sollecitazione dello storico Roberto Spazzali,  che nel corso della presentazione, introdotta dal prefetto  Francesca Adelaide Garufi, aveva parlato della necessità di fare,  nel centenario della Prima Guerra Mondiale, non tanto delle  commemorazioni, ma soprattutto delle riflessioni, favorendo le  ricerche storiografiche, Torrenti ha precisato che nuove analisi  e riordino di quelle esistenti sono due filoni che devono  viaggiare in parallelo, e per i quali la Regione ha anche messo  anche a disposizione delle risorse.

Secondo l'assessore Torrenti, dunque nel centenario della Grande  Guerra non ci si deve limitarsi a riflettere su quella tragedia e  sulle cause che portarono all'inutile strage, ma essere anche  occasione per approfondire le vicende storiche e sociali che ad  essa seguirono: quarant'anni che passarono attraverso il  fascismo, il dramma planetario del secondo conflitto, il  dopoguerra, fino a quel 1954 che segnò il definitivo ritorno di  Trieste all'Italia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Grande guerra: «La Regione intende essere da stimolo ad accrescerne la conoscenza»

TriestePrima è in caricamento