Cronaca Riva Massimiliano e Carlotta

Degrado a Grignano, Dipiazza: «Non è competenza del Comune, ma è da mettere a posto entro l'estate» (VIDEO)

Torrenti: «Fuori luogo da parte sua deprecare l'assenza della Regione in un sopralluogo: su Miramare la Regione ha messo risorse proprie e fatto affluire risorse»

«È arrivato il momento di prendere la situazione in mano e risolvere il tremendo stato in cui versa Grignano. Ho fatto un sopralluogo con la Capitaneria, purtroppo assente la Regione Fvg. In questi anni nessuno si è occupato della cosa perchè l'area ha differenti Enti di riferimento. Grignano è la porta d'ingresso a Trieste e al Castello di Miramare per migliaia di turisti e non è accettabile che sia in queste condizioni».

Molto critico il sindaco Roberto Dipiazza che ieri, giovedì 25 novembre, si è recato a Grignano per un sopralluogo in cui ha potuto constatare la situazione di degrado e abbandono in cui si trova l'area «perchè nessuno è mai intervenuto: gli impiandi radicali degli alberi hanno fatto danni enormi».

«Per la questa Amministrazione regionale Miramare con il castello e il parco sono sempre stati una priorità e il sindaco Dipiazza dovrebbe riconoscerlo apertamente - afferma l'assessore alla Cultura del Friuli Venezia Giulia Gianni Torrenti, commentando il post del sindaco -. Su Miramare la Regione ha messo risorse proprie e fatto affluire risorse e particolari attenzioni dal governo nazionale. Bene fa dunque il sindaco a occuparsi di quanto gli compete, cioè del territorio del suo comune. Ma fuori luogo da parte sua deprecare l'assenza della Regione in un sopralluogo cui non saprei nemmeno accertare chi fosse invitato. E comunque con una pessima scelta dei tempi - conclude Torrenti -, data la concomitanza della seduta del Consiglio regionale che, come è possibile ricordi l'ex consigliere Dipiazza, impegna Giunta e consiglieri regionali».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Degrado a Grignano, Dipiazza: «Non è competenza del Comune, ma è da mettere a posto entro l'estate» (VIDEO)

TriestePrima è in caricamento