Venerdì, 24 Settembre 2021
Cronaca

Gruppo Hera a Trieste: ricaduta economica di 84 milioni

Online il Bilancio di Sostenibilità del Gruppo Hera 2014. Circa 1,6 miliardi la ricaduta economica complessiva sul territorio servito dalla multiutility, di cui 84,1 milioni nell'area di Trieste. Molto bene la performance della raccolta differenziata e la produzione energetica "green" del termovalorizzatore

Il Gruppo Hera si racconta nei tanti numeri del Bilancio di Sostenibilità 2014, completamente rinnovato nella forma, più semplice e scorrevole per facilitarne la lettura e individuare rapidamente tutte le informazioni più importanti. 

«Il valore aggiunto globale lordo generato per gli stakeholder nel 2014 è stato pari a 1.387,2 milioni di euro (+2,4% rispetto al 2013). Di questi, ben 1.085,5 vanno al territorio in cui opera il Gruppo Hera, attraverso stipendi ai lavoratori, dividendi agli azionisti del territorio, imposte, tasse e canoni agli enti del territorio, liberalità/sponsorizzazioni e risorse reinvestite nel Gruppo. Aggiungendo ai 1.085,5 milioni di euro i 506,2 milioni di euro delle forniture da fornitori delle aree di operatività, la ricchezza totale distribuita al territorio si può stimare in 1.591,7 milioni di euro».

«Per quanto riguarda nello specifico i comuni serviti da AcegasApsAmga nell’area di Trieste, la ricchezza distribuita complessivamente dal Gruppo Hera è stata pari a 84,1 milioni di euro. Di questi, 47,9 milioni sono andati ai lavoratori, 23,5 milioni ai fornitori locali, 7 milioni agli azionisti e 5,8 milioni agli enti del territorio come imposte, tasse e canoni».

«Continuano gli investimenti per aumentare la qualità dei canali di contatto, con tempi di attesa a sportelli e call center fra i più bassi tra quelli delle multiutility italiane. Per quanto riguarda la clientela residenziale, i tempi di attesa al call center Hera passano dai 49 secondi del 2013 ai 40 secondi del 2014, mentre quelli degli sportelli dedicati ai clienti triestini si attestano a 22,6, in discesa rispetto ai 25,6 minuti del 2013. Si tratta di una primo importante passo frutto dell’intenso lavoro messo in cantiere per allineare progressivamente gli standard di servizio di Trieste con quelli del Gruppo Hera. Di particolare importanza il tempo medio di arrivo per le chiamate di pronto intervento gas, attestato nel triestino a 27,9 minuti, rispetto ad un tempo standard di 60 minuti richiesto dalla normativa di riferimento».

«Ottimi risultati emergono anche dagli indicatori relativi alla sostenibilità ambientale, che fanno del territorio servito da Hera un’eccellenza a livello europeo, con costi di servizio nella gestione dei rifiuti inferiori del 23% rispetto alla media nazionale e del 17% rispetto a quella del Nord Italia. A livello di Gruppo continua a diminuire il ricorso alla discarica per i rifiuti urbani (in AcegasApsAmga già da tempo a zero), che nel 2014 ha riguardato solo il 12,9% dei rifiuti smaltiti (16,4% nel 2013 e 49% nel 2002), un dato ampiamente inferiore non solo alla media italiana (38%) ma anche a quella europea (31%). Ne guadagna la raccolta differenziata, che passa dal 52,6% del 2013 al 54% del 2014, con buoni risultati anche nel territorio di Trieste, dove la raccolta differenziata media annua è salita sale dal 29,5% del 2013, al 32,1% del 2014. Occorre però considerare che si tratta appunto di un dato medio annuo. Grazie all’ambizioso progetto di potenziamento della differenziata realizzato assieme al Comune di Trieste, il dato puntuale è attualmente al 37%. Inoltre, come rendicontato dal report annuale “Sulle tracce dei rifiuti”, il 93,8% dei rifiuti differenziati (a Trieste addirittura il 99,8%) viene effettivamente portato a recupero, incoraggiando le buone pratiche dei cittadini e alimentando quella parte della green economy attiva nella filiera del riciclo (55 le aziende che valorizzano la raccolta differenziata conferita da Hera, con oltre 3.000 occupati di cui circa 1.300 riconducibili direttamente al recupero di materiali)».

«L’indotto occupazionale totale generato dall’azienda, fra lavoratori diretti (8.510) e indiretti (6.781), raggiunge le 15.291 unità. E diverse le evidenze degne di nota: i lavoratori del Gruppo a tempo indeterminato nel 2014 sono saliti al 97%; sono oltre 330 gli assunti con questo contratto negli ultimi tre anni; i rapporti di fornitura con le cooperative sociali hanno consentito l’inserimento lavorativo di 611 persone svantaggiate. Anche grazie alle 28 ore di formazione procapite all’anno, dato superiore alla media delle altre utility (pari a 19,5 nel 2013), il Gruppo Hera migliora ulteriormente le proprie performance nella prevenzione degli infortuni, con un indice di frequenza (numero degli infortuni diviso i milioni di ore lavorate) sceso a 22,6 nel 2014, più che dimezzato nell’arco di 10 anni. Nel 2014 anche AcegasApsAmga ha ottenuto la certificazione sulla sicurezza sul lavoro OHSAS 18001, arrivando così al 90% dei lavoratori del Gruppo».

«Continua l’impegno del Gruppo nella produzione energetica green. Nel 2014 oltre 2/3 della produzione energetica elettrica e termica del Gruppo Hera è avvenuto da fonte rinnovabile. Di grande rilievo anche l’energia elettrica prodotta dal termovalorizzatore di Trieste valorizzando i rifiuti non differenziabili: nel 2014 sono stati generati 105,5 GWh, pari al fabbisogno di circa 80 mila abitanti. L’attenzione all’ambiente si è manifestata anche nel contenimento delle emissioni di gas serra generate dagli impianti del Gruppo, diminuite complessivamente del 5%. Per ogni MWh di energia prodotta nel 2014 sono stati emessi 535 Kg di CO2 equivalente (-3% rispetto al 2013) grazie alla riduzione delle emissioni dai termovalorizzatori (-9%) e alla contemporanea maggiore produzione di energia da fonti rinnovabili (+8%, in particolare per biogas da depuratori e geotermia). Nel 2014, inoltre, Hera ha ottenuto la certificazione ISO 50001, che premia le migliori pratiche nell’uso efficiente dell’energia, e ha definito un piano di miglioramento energetico: articolato in 54 interventi, entro il 2017 il piano vuole raggiungere l’obiettivo di ridurre del 3% i consumi energetici rispetto al 2013, con un risparmio annuo di oltre 3.400 tep (tonnellate di petrolio equivalente). Tale certificazione è attualmente in corso di conseguimento anche da parte di AcegasApsAmga».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gruppo Hera a Trieste: ricaduta economica di 84 milioni

TriestePrima è in caricamento