Paura a Grado, principio d'incendio in un'imbarcazione: salvati otto triestini

L’intervento dell'equipaggio della Guardia di Finanza del Reparto Operativo Aeronavale di Trieste ha evitato il peggio

Una giornata di festa che poteva trasformarsi in un incubo per una comitiva di nove triestini di ritorno da una crociera di piacere a bordo di un’imbarcazione di diciotto metri.

Nel pomeriggio di domenica 13 u.s., proprio dopo la conclusione della manifestazione aerea “GRADO AIR SHOW”, all’altezza di Grado, un guasto elettrico ha provocato un principio d’incendio nel vano motori dell’imbarcazione da diporto e solo il pronto intervento dell’equipaggio del Guardacoste G.222 della Guardia di Finanza del Reparto Operativo Aeronavale di Trieste, che stava pattugliando quel tratto di mare in servizio di vigilanza ai fini dell’ordine e della sicurezza pubblica, ha evitato il peggio. I finanzieri, allertati dal fumo che fuoriusciva dalla poppa della barca, avvicinatisi all’unità, hanno dapprima trasbordato lo sventurato gruppetto, accertandone il buono stato di salute e, immediatamente dopo, hanno velocemente messo in sicurezza l’imbarcazione oramai in panne e alla deriva, coadiuvando il comandante in difficoltà, a causa di un blackout elettrico intervenuto sulle apparecchiature di bordo. L’unità è stata così presa a rimorchio e trainata in acque sicure, prima che la corrente la arenasse verso il vasto banco sabbioso della zona. L’imbarcazione è stata attraccata, in tarda serata, senza danni, presso il Porto Vecchio di Trieste, e la comitiva ha così potuto finalmente tirare un sospiro di sollievo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tuiach porta in tribunale Parisi ma perde la causa

  • Sara Gama corregge giornalista di Sky: "Trieste è in Venezia Giulia"

  • Natale, come arredare l'appartamento con stile ed eleganza

  • Brutto incidente in superstrada, due persone a Cattinara

  • Brutto incidente in via Costalunga, un ferito

  • Uccise Nadia Orlando: si suicida dopo la condanna a 30 anni

Torna su
TriestePrima è in caricamento