A scuola con le Fiamme Gialle: quasi 1000 alunni al progetto "Educazione alla legalità economica"

Molto apprezzati dagli studenti gli interventi delle unità cinofile che hanno realizzato seguitissime dimostrazioni di ricerca di sostanze stupefacenti, banconote e tabacchi

Nel mese di maggio le Fiamme Gialle triestine hanno concluso il ciclo di incontri con gli studenti delle scuole realizzati per parlare di cultura della legalità economica nell’ambito della sesta edizione dell’omonimo progetto.
L’iniziativa trae origine da un Protocollo d’intesa tra il Comando Generale della Guardia di Finanza ed il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca finalizzata a promuovere, nell’ambito dell’insegnamento “Cittadinanza e Costituzione”, un programma di attività a favore degli studenti della scuola primaria e secondaria.
L’intento è di far maturare la consapevolezza del valore della legalità economica, con particolare riferimento alla prevenzione dell’evasione fiscale e dello sperpero di risorse pubbliche, delle falsificazioni, della contraffazione nonché dell’uso e dello spaccio di sostanze stupefacenti.

Di concerto con il predetto Dicastero, è stato sviluppato il progetto denominato “Educazione alla legalità economica” che, anche per l’anno scolastico 2017/2018, ha visto organizzati, a livello nazionale, incontri presso le scuole orientati a:
- creare e diffondere il concetto di “sicurezza economica e finanziaria”;
- affermare il messaggio della “convenienza” della legalità economico-finanziaria;
- stimolare nei giovani una maggiore consapevolezza del delicato ruolo rivestito dal Corpo, quale organo di polizia vicino a tutti i cittadini, di cui tutela il bene fondamentale delle libertà economiche.
All’iniziativa è stato abbinato un concorso denominato “Insieme per la legalità”, con lo scopo di sensibilizzare i giovani, tramite il coinvolgimento delle scuole, sul valore civile ed educativo della legalità economica, nonché sulle attività svolte dal Corpo in tali settori, favorendo la loro espressione libera, creativa e spontanea sulla tematica.

Gli interventi hanno coinvolto i seguenti Istituti scolastici tra primari e secondari:
Istituto Umanistico “Slomsek”;
Istituto Tecnico Statale “Alessandro Volta”;
Istituto Comprensivo “Campi Elisi”;
Istituto Comprensivo Statale “Nanoški Trg”;
Istituto Comprensivo di via Commerciale “R. Manna”;
Istituto “Sacro Cuore di Gesù”;
Istituto “Carducci/Dante”.
Oltre 50 le classi e quasi 1000 gli alunni che hanno partecipato con vivo interesse ed entusiasmo, con particolare riguardo ai temi della contraffazione, del mondo dei giochi e delle scommesse e del contrasto ai traffici illeciti di sostanze stupefacenti.
Particolarmente graditi, soprattutto ai più piccoli, gli interventi delle unità cinofile che hanno realizzato seguitissime dimostrazioni di ricerca di sostanze stupefacenti, banconote e tabacchi.

gdf 2-2-3

Potrebbe interessarti

  • Ragno violino, quali sono i sintomi e come comportarsi nel caso di morso

  • Freschi di stagione o secchi, ecco perché mangiare fichi fa bene alla salute

  • Canizie precoce, cause e rimedi per prevenire la comparsa dei capelli bianchi

  • Gusti estivi, idee per 4 ricette sfiziose a base di zucchine

I più letti della settimana

  • Ragno violino, quali sono i sintomi e come comportarsi nel caso di morso

  • Zalone girerà a Trieste: si cercano 1000 comparse "di tutte le etnie"

  • Cancro al polmone e malattie respiratorie, Trieste tra le città italiane più colpite

  • Esercito in centro, Famulari: "Non sono la miglior accoglienza per una città turistica"

  • Risse e chiasso: licenze sospese a due bar

  • Maxi frode in tutta Europa con sequestri per 80 milioni di euro e 25 arresti, in carcere doganiere triestino

Torna su
TriestePrima è in caricamento