Cronaca Largo Don Francesco Bonifacio

Viola il divieto di ritorno: 19enne fermato dai "poliziotti in bici"

E'successo in largo Bonifacio. Il divieto valeva per tre anni. Il servizio di polizia con le MTB era stato presentato un mese fa "nell’ottica di una sempre maggiore prossimità alla cittadinanza"

Foto di repertorio

Viola un divieto di ritorno ma viene fermato dai "poliziotti in bici", che effettuavano il nuovo servizio di pattugliamento a bordo delle loro mountain bike. È successo ieri pomeriggio, giovedì 5 settembre: la Polizia di Stato ha denunciato un cittadino kosovaro, A.K., nato nel 2000, inottemperante a un divieto di ritorno nei comuni della provincia di Trieste per tre anni emesso nel dicembre dell’anno scorso. Il giovane è stato notato e identificato in largo Bonifacio dai poliziotti della Squadra Volante che espletano il servizio di controllo del territorio in biciletta. Dagli accertamenti effettuati è emersa questa inottemperanza e il successivo deferimento all’autorità giudiziaria.

"Poliziotti in bici"

Come si ricorderà proprio un mese fa era stato presentato dal Questore questo servizio con le bici MTB, alternativo ai mezzi motorizzati, che punta ad un controllo più mirato e puntuale del centro storico e di alcune aree extra-urbane della città, anche nell’ottica di una sempre maggiore prossimità alla cittadinanza.

Duino, vede i poliziotti e scappa: tre biciclette di valore restituite ai proprietari 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Viola il divieto di ritorno: 19enne fermato dai "poliziotti in bici"

TriestePrima è in caricamento