menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La gente di Giarizzole: "Sarebbe potuto bruciare tutto il palazzo"

Un appartamento al secondo piano del civico 10 dell'omonimo piazzale è stato completamente distrutto da due roghi scoppiati tra ieri pomeriggio e questa notte. I residenti: "Se non avessero chiamato i Vigili del fuoco sarebbe andato a fuoco tutto il palazzo"

A sentir parlare le persone che risiedono nel rione di Giarizzole le ultime 24 ore sono a dir poco surreali. Intorno all'ora di pranzo di ieri 20 febbraio è infatti scoppiato un incendio in un appartamento sito al secondo piano del civico 10 di piazzale Giarizzole. I Vigili del fuoco sono intervenuti per spegnere il rogo e hanno messo in sicurezza i locali dell'abitazione, dopo un'azione durata diverse ore. 

Il secondo incendio: "puzza" di fumo e fiamme

Verso le 4 di questa notte altre fiamme hanno avvolto l'appartamento. Questa volta però, ad essere interessata dall'incendio è stata la cucina e non più la camera da letto, zona da dove si era propagato il rogo di ieri. A dare l'allarme un residente della zona che, secondo le persone che vivono nel quartiere, avrebbe sentito prima l'odore di fumo e poi visto le fiamme. A supporto della chiamata poi sarebbe arrivata la segnalazione anche dagli occupanti dell'ultimo piano del civico 10. 

L'appartamento distrutto

Tutte le persone residenti nello stabile sono state fatte scendere in strada dai Carabinieri giunti sul posto. A quel punto sono arrivate anche le squadre dei Vigili del fuoco del Comando di Trieste che hanno spento il secondo incendio sviluppatosi in meno di 24 ore. L'appartamento risulta essere quasi completamente distrutto, il residuo dell'incendio - cenere e pezzi di mobilio e altro - è impressionante. 

incendio giarizzole 20-21 febbraio-3

Il lavoro dei Vigili del fuoco e dei Carabinieri

Nel vano scale dell'edificio l'odore di bruciato è ovviamente ancora presente e anche questa mattina le squadra dei Vigili del fuoco erano sul posto per continuare il lavoro post spegnimento. Anche una gazzella dei Carabinieri era presente in piazzale Giarizzole, per raccogliere informazioni come d'altronde avevano fatto ieri subito dopo l'incendio. In quel caso la Microarea del quartiere ha svolto un servizio di appoggio logistico sia per i militari dell'Arma che per i sanitari del 118 accorsi sul posto. 

L'incendio di ieri 20 febbraio: le immagini dell'intervento dei pompieri

I residenti di piazzale Giarizzole: "La zona è tranquilla"

Piazzale Giarizzole è da sempre una zona popolare. Gli edifici ATER "ospitano" decine di famiglie, qualche giovane e molti anziani. "L'area è tranquilla, non ci sono problemi" commentano alcuni residenti incrociati questa mattina. In molti hanno tuttavia espresso alcune perplessità in merito al secondo incendio propagatosi questa notte. "Sembra strano che possa tornare a svilupparsi un incendio dopo tante ore e dopo il grande lavoro fatto dai Vigili del fuoco ieri" commenta una signora fuori dal bar latteria che dà verso via Flavia.   

52594429_338712430074505_7405677508512710656_n-2

"Se non avessero chiamato in tempo sarebbe bruciato tutto il palazzo"

L'area di Giarizzole vede la presenza della Microarea, un servizio dell'Azienda Sanitaria che svolge l'indispensabile ruolo di portierato sociale, assistenza alle famiglie e molto altro. Una di queste ci racconta che "stavamo dormendo quando hanno bussato alla porta e ci hanno detto di scendere in strada velocemente. Se non fosse stato per chi ha dato l'allarme sarebbe bruciato tutto il palazzo". La stessa ci ha detto che "sembra impossibile che dopo poco tempo un altro incendio possa riprendere vita. Noi comunque non abbiamo sentito nessun movimento lungo le scale, anche perché quando ha iniziato a bruciare l'appartamento noi stavamo dormendo". 

Campionamenti e analisi per accertare le cause

Le persone che transitano nel quartiere sembrano stranite. Nel pomeriggio giungerà sul posto una squadra "speciale" dei Vigili del fuoco per effettuare alcuni campionamenti all'interno dell'abitazione andata a fuoco. I campioni raccolti andranno poi in laboratorio per le analisi che, con ogni probabilità,fugheranno i dubbi sulle cause del rogo che ha distrutto l'appartamento. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Appartamento piccolo? I segreti per farlo sembrare più grande

Alimentazione

Utensili e stampi da forno in silicone: rischi per la salute

social

Il Monviso fotografato da 270 chilometri: la foto è subito virale

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Impennata di contagi in Croazia: crescita del 30% in una settimana

  • Cronaca

    Forze dell'ordine a Cattinara: al via l'operazione vaccini

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Veicoli Commerciali

    Mezzi pesanti: regole e limiti di velocità

  • Scuola

    Metodo di studio: i consigli per memorizzare in poco tempo

Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento