Domenica, 21 Luglio 2024
I commenti / Barriera Vecchia - Città Vecchia / Piazza della Libertà

Esercito in piazza, le critiche del mondo dell'accoglienza

Il presidente dell'Ics, Gianfranco Schiavone, e Gian Andrea Franchi di Linea d'Ombra commentano la misura annunciata oggi dalla prefettura

TRIESTE - Una decisione "del tutto assurda" e che serve solamente "ad alzare il clima di tesione". Così il presidente di Ics Gianfranco Schiavone ha commentato la misura della prefettura che prevede, per la durata di un mese a partire da oggi, la presenza h24 dei militari nella zona della stazione. "La prefettura e il ministero dell’Interno hanno la pesante responsabilità della sistematica violazione della legge nel non provvedere alla accoglienza dei richiedenti asilo come prevedono le normative - ha aggiunto Schiavone -. Sembra chiaro che sia necessario andare nella direzione di un accertamento anche in sede giudiziale di tali responsabilità". "Nessuno sottovalutata il fatto che ci siano stati momenti di tensione e che i controlli vanno rafforzati, Ics stesso lo ha sollecitato. Ma le modalità "scenografiche" sono del tutto improprie e non servono allo scopo", ha concluso.

"Finora non abbiamo notato alcun cambiamento rilevante", ha dichiarato Gian Andrea Franchi di Linea d'Ombra, spiegando che "altre volte ci sono state auto della polizia, dei carabinieri e persino della finanza" ma, alla fine, "non c'è stato nessun intervento che andasse oltre questa presenza tutto sommato discreta". "Vedremo nei prossimi giorni - ha aggiunto -. Oggi non c'è stata nessuna modifica tale da farci pensare che dobbiamo cambiare qualcosa". Il fondatore di Linea d'Ombra ha quindi voluto mettere in luce "una situazione di notevole disagio", causato da un cambio di politica nella distribuzione dei pasti dalla Caritas: "Dopo che nel luglio scorso il prefetto aveva temporaneamente sospeso la richiesta di documenti da parte della Caritas per la distribuzione di pasti gratuiti ai migranti, l'ha ripristinata. Il risultato è che in piazza è aumentato notevolmente il numero di persone affamate. Noi difficilmente riusciremo a dare da mangiare a tutti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Esercito in piazza, le critiche del mondo dell'accoglienza
TriestePrima è in caricamento