rotate-mobile
Giovedì, 2 Dicembre 2021
Cronaca

Il caso del cane ferito e maltrattato: approfondimenti dei Carabinieri

Le foto che hanno creato tanto sdegno su Facebook sono state analizzate dai militari che hanno contattato il pastore: «Il cane è in buona salute»

Il caso del pastore maremmano ferito e maltrattato, stando alla segnalazione della nostra lettrice avrebbe avuto al collo un collare da tortura (ossia con degli spuntoni rivolti verso il collo dell'animale), si sta stemperando con il passare delle ore e l'intervento dei Carabinieri. 

Tutto era nato nel pomeriggio quando durante una passeggiata lungo la pista ciclabile A.M. ha notato un cane fare la guardia a un gregge; avvicinandosi ha potuto notare che l'animale aveva una ferita vicino l'orecchio destro e un collare con degli spuntoni. Dopo averlo fotografato ha cercato di avvisare le forze dell'ordine per denunciare il maltrattamento.

L'episodio aveva iniziato a generare grande polemica su Facebook con centinaia e centinaia di commenti indignati sia sul post personale di A.M. che nei vari gruppi. Grazie all'intervento della nostra redazione i Carabinieri sono riusciti ad entrare in contatto con A.M. e dopo aver raccolto le deposizioni, i militari sono risaliti al proprietario del cane: si tratta di un pastore che ha negato i maltrattamenti e rassicurato che il collare indossato dal propro cane serve invece a difenderlo da predatori e cinghiali. Inoltre i Carabinieri giunti sul posto hanno potuto verificare che il maremmano gode di buona salute, ma comunque nei prossimi giorni si recheranno al campo con gli specialisti cinofili per ulteriori approfondimenti.

Effettivamente dalle immagini si può evincere che il collare indossato dal cane il collare non ha gli spuntoni rivolti verso il collo come quelli da tortura, bensì all'esterno, come un vreccale, utilizzato storicamente dai pastori (anche se ormai in disuso) proprio per difendere il collo dell'animale da eventuali attacchi dei lupi e i loro morsi alla gola.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il caso del cane ferito e maltrattato: approfondimenti dei Carabinieri

TriestePrima è in caricamento