rotate-mobile
Cronaca

Il Comune si impegna nel riutilizzo delle biciclette abbandonate

9.57 - “Incentivare il riutilizzo delle biciclette abbandonate sulla pubblica via e reimpiegarle a fini sociali” è quanto stabilito dalla Giunta Comunale con apposita delibera.

 “Incentivare il riutilizzo delle biciclette abbandonate sulla pubblica via e reimpiegarle a fini sociali” è quanto stabilito dalla Giunta Comunale con apposita delibera, su proposta di Fabiana Martini, Vicesindaco e Assessore alla Sicurezza, Polizia Urbana e dell'Assessore alla Pianificazione Urbana, Mobilità e Traffico, Elena Marchigiani.
Considerato che un sempre maggior numero di biciclette giacciono abbandonate sulle vie cittadine, a volte anche prive di componenti indispensabili per il loro funzionamento, seppur integre nella parte meccanica e in stato di degrado, e che gli operatori di Polizia Locale sono obbligati a rimuovere (in base al Codice della Strada), è stato così deliberato : il materiale recuperato sarà conservato in locali idonei dell'Amministrazione per il periodo di un anno (così come previsto dal codice civile: art. 927, 928, 929), con contestuale pubblicazione del ritrovamento affisso all'albo pretorio (ai sensi dell'art. 9 del Regolamento per la gestione degli oggetti rinvenuti, approvato con deliberazione consigliare 20.4.2004).

Allo scadere dell'anno la bicicletta, il cui proprietario non si sarà presentato, diventerà di fatto proprietà comunale. Non solo. Sarà pubblicato un bando di idee per il progetto di recupero e riutilizzo delle biciclette in abbandono i cui rottami saranno consegnati a titolo gratuito al soggetto vincitore del bando a seguito della valutazione basata su tre parametri: opportunità di start-up di imprese avviate da giovani o da donne; utilità sociale e infine innovazione sulle modalità di riutilizzo delle biciclette.
    

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Comune si impegna nel riutilizzo delle biciclette abbandonate

TriestePrima è in caricamento