rotate-mobile
Martedì, 25 Gennaio 2022
Arte “educativa” / Via Vittorino da Feltre

Inaugurato alla scuola d'infanzia "Cuccioli" il murale "The lion's power"

L'intervento artistico è stato curato dall'associazione Melart e liberamente ispirato al film di animazione Il Re Leone

Ieri mattina (20 dicembre) è stato inaugurato presso l'ampio cortile interno della Scuola dell'Infanzia "Cuccioli" e della Scuola Primaria "Gaspardis", l'intervento artistico The Lion's power curato dall'associazione Melart e liberamente ispirato al film di animazione Il Re Leone. Alla presentazione e inaugurazione sono intervenuti tra gli altri l’assessore comunale ai Giovani Nicole Matteoni, la dirigente scolastica Monica De Carolis e la coordinatrice della Scuola dell'Infanzia Caia Venier.

“Questo murale si colloca nell’ambito del più ampio progetto di “Chromopolis” e del progetto europeo PART-Y Street Art Festival, che vede il Comune di Trieste e l’Area Giovani in collaborazione con ben 5 Paesi europei ed associazioni del territorio - ha detto l’assessore Nicole Matteoni - . Il progetto si sviluppa e proseguirà, soprattutto nelle scuole, attraverso la realizzazione di altri murales. Quello di oggi è un soggetto davvero bellissimo che aiuterà a vitalizzare uno spazio condiviso come quello del cortile”. 

“ll cortile in questo momento è uno spazio importante perché molte attività sono svolte all'aperto e la realizzazione di questo bellissimo murales colorato aiuterà i bambini a viverlo serenamente" ha aggiunto la dirigente scolastica Monica De Carolis.

L'opera è stata realizzata da Federico Duse, Claudio Daker Paolini e Matteo Sifanno, affermati street artist che hanno lavorato durante il periodo estivo per consegnarla con l’inizio dell’anno scolastico. Il murale The Lion's power è liberamente ispirato al film di animazione Il Re Leone; alcuni dei celebri protagonisti della storia, interpretati nello stile che distingue ognuno degli artisti coinvolti, sono inseriti in una savana colorata e fantastica.

“Il cortile interno - dice Federico Duse presidente dell’associazione - si presentava come uno spazio anonimo circondato da altissime pareti bianche. Siamo intervenuti considerandolo come un volume unico; in basso tre fasce di colori caldi muovono l'orizzontalità attraverso delle skyline di montagne che creano un effetto di continuità tra le alte facciate; mentre, sulla parte superiore, lo sfondo azzurro sale con delle curve agli angoli che aumentano lo slancio verso l'alto. Una serie di inquadrature e soluzioni anamorfiche, insieme ad alcuni trompe l’oeil, consentono infine di percepire lo spazio gioco come un ambiente più ampio e accogliente”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inaugurato alla scuola d'infanzia "Cuccioli" il murale "The lion's power"

TriestePrima è in caricamento