Mercoledì, 16 Giugno 2021
Cronaca

Inaugurata la stanza "multisensoriale" Snoezelen alla Casa Bartoli

Grilli: «Uno strumento che sarà molto utile per il maggior benessere degli ospiti»

Inaugurata oggi alla Casa “Bartoli”, nel comprensorio del Centro per l'Anziano del Comune di Trieste, in via de' Marchesetti, una nuova stanza “multisensoriale Snoezelen”, organizzata con un particolare allestimento (tra cui una poltrona massaggiante, una lampada per cromoterapia, una "fontana Zen" con luce e vaporizzatore di aromi, un proiettore per suoni e immagini) tale da creare un ambiente protetto e oltremodo rilassante, utile anche quale strumento terapeutico nell'ambito geriatrico e/o della disabilità mentale attraverso adeguate stimolazioni sensoriali.

Il termine “snoezelen”, coniato in Olanda circa 30 anni fa, deriva dall’unione/contrazione di due vocaboli “snoeffelen” (annusare) e “doezelen” (indurre sonnolenza, sonnecchiare, lasciarsi andare) e indica tutta una serie di attività e accorgimenti introdotti appunto per la prima volta nel Paese nord-europeo negli anni '70 quale trattamento di cura adatto a far fronte e lenire situazioni di grave disabilità, puntando all'obiettivo finale del maggior benessere possibile della persona.

Progettato per ottenere la stimolazione di tutti i cinque sensi (vista, udito, olfatto, tatto, gusto), lo spazio terapeutico così allestito era stato pensato all'epoca in un primo tempo come destinato ai bambini con gravi disabilità, in seguito rivolgendosi anche ai traumatizzati e ai “grandi anziani”.
Gli obiettivi previsti sono la gestione dei disturbi comportamentali, consentendo, come detto, il rilassamento e stimolando l'”esplorazione dell'ambiente” e di conseguenza un maggior desiderio e attitudine a riattivare alcuni contatti e relazioni interpersonali.

A Trieste, la prima “stanza Snoezelen” venne attivata, nel 2015, all'interno della residenza "Campanelle", riscontrando grande apprezzamento da parte degli ospiti e dei loro familiari.

Oggi alla Casa “Bartoli”, con una semplice ma molto partecipata cerimonia, l'Assessore comunale alle Politiche Sociali Carlo Grilli, presenti anche il Direttore di Area Mauro Silla, il dirigente del Servizio Anziani e Disabili Luigi Leonardi, la direttrice del Centro per l'Anziano Ariella Raunikar e un folto gruppo di operatori e ospiti della struttura, ha manifestato una viva soddisfazione per l'avvio della seconda struttura triestina di questo tipo, dopo, appunto, quella di Campanelle.

«Ringrazio di cuore – ha esordito Grilli - tutti coloro che hanno promosso e realizzato l'apertura di questa nuova “stanza Snoezelen”, dirigenti, operatori e naturalmente, in primo luogo, il signor Gioacchino Goretti che con grande generosità ne ha consentito l'allestimento». L'Assessore si è così rivolto al benefattore, presente alla cerimonia con la figlia, che con una significativa donazione ha contribuito all'acquisto della gran parte degli arredi di questa speciale stanza, quindi intitolata alla memoria della moglie Franca Petrucci già ospite di Casa “Bartoli”.

«Questa stanza, tra l'altro molto bella, sarà uno strumento importante – ha proseguito l'Assessore Grilli – e molto utile e funzionale per il maggior benessere degli ospiti. Uno “strumento” che, dopo diversi altri Paesi europei, iniziamo finalmente anche noi a introdurre nelle nostre strutture».

«E un grazie speciale a tutto il personale che, con grande sensibilità, è capace di offrire sempre una carezza, un abbraccio, un sorriso che sono di così grande importanza per ogni persona anziana».

Parole di gratitudine e ammirazione per gli operatori della struttura sono giunte, con l'occasione, anche da parte di diversi ospiti, mentre la direttrice Raunikar ha ricordato e sottolineato il ruolo di chi opererà seguendo in particolare la “stanza Snoezelen”, una vera e propria “equipe” formata da sei addetti: un infermiere, un fisioterapista, un operatore sociosanitario, una psicologa, un'animatrice e un coordinatore responsabile delle attività.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inaugurata la stanza "multisensoriale" Snoezelen alla Casa Bartoli

TriestePrima è in caricamento