Sabato, 18 Settembre 2021
Cronaca

Incidente Grignano: Thomas ha donato vita ad altre sei persone

Thomas De Marchi, il giovane sub che pochi giorni fa ha perso la vita dopo un incidente di mare nello specchio antistante il porto di Grignano ha donato i suoi organi. Sei persone diranno grazie per il resto dei loro giorni a questa lodevole persona scomparsa troppo presto

Stringe il cuore scrivere di un giovane uomo scomparso prematuramente. Ma si rimane maggiormente affranti quando ci si rende conto di quanto la persona di cui si sta portando notizia era lodevole e volta al bene.

Martedì scorso, durante un'immersione in mare nello specchio d'acqua antistante il porto di Grignano, il 34enne Thomas De Marchi si è sentito male. Inutili i soccorsi arrivati in brevissimo tempo, allertati dalla moglie Amanda che gli era accanto. Dopo due giorni Thomas si è spento in ospedale.

Thomas era coordinatore della Grotta Gigante. I colleghi parlano di lui come una persona amabile, attenta, intelligente, buona. Era stato scout Thomas, e forse anche per questo il suo essere a contatto con la natura, con gli animali e con l'ambiente selvaggio gli dava gioia.

Thomas è scomparso forse facendo una delle cose a cui più teneva, un'escursione subacquea con accanto sua moglie. Se ne è andato quasi in silenzio, ma lasciando un vuoto immane. Un vuoto che solo parzialmente sarà riempito dal suo ricordo e soprattutto dal suo ultimo gesto.

Questo giovane grande uomo ha donato i suoi organi che andranno a sei diverse persone. Un ultimo grande gesto. Il suo addio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incidente Grignano: Thomas ha donato vita ad altre sei persone

TriestePrima è in caricamento