menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto di repertorio

foto di repertorio

Pirata della strada scovato dalla Polizia Locale: aveva investito una ragazza a Barcola

Gli operatori della Polizia Locale hanno concluso le indagini su questo e altri tre incidenti con "omissione e fuga" da parte dei conducenti: quello più grave di viale Miramare, poi in via del Bosco e un altro abbastanza importante in via Risorta

La notizia aveva avuto un certo risalto sui media: giovedì scorso una 25enne è stata investita sulle strisce pedonali di viale Miramare da un automobilista che ha poi deciso di non fermarsi e scappare. La Polizia Locale però, grazie ad alcuni frammenti sull'asfalto ed alle immagini delle telecamere comunali, è riuscita già il giorno successivo a risalire a un'Opel intestata a N.J.G. (proprietario e conducente) il quale aveva già portato il mezzo in officina per le riparazioni.
Ora dovrà rispondere al Giudice penale per omissione di soccorso e fuga; a queste gravi violazioni si aggiungono la mancata precedenza al pedone e il non aver convertito la patente straniera nei tempi previsti dalla legge. Riassumendo: un processo penale con spese legali annesse, sanzioni amministrative per 298 euro e 18 punti in meno sulla patente che verrà sospesa per un periodo minimo di 18 mesi ad un massimo di 5 anni.

Purtroppo in soli tre giorni la Polizia Locale ha dovuto rilevare altrettanti incidenti con tentativo – vano – di fuga: quello appena descritto è il più grave ma anche gli altri sono di un certa entità. Il primo, domenica scorsa in via del Bosco: un camion accartoccia la portiera di una Yaris in sosta, danneggia seriamente la Mini parcheggiata di fronte e perde un gancio.
Nonostante tutto il trambusto il camionista pare non si sia accorto di nulla e procede senza fermarsi. La Sala Operativa dirama gli estremi del camion e poco dopo una pattuglia ferma il mezzo prima di Barcola e lo riconduce sul luogo dell'incidente: di fronte all'evidenza dei fatti il camionista non può che ammettere le proprie responsabilità.

Conseguenze ben più gravi per il conducente fuggiasco del terzo incidente, accaduto la sera di domenica: un'Audi A4 in via Risorta va a sbattere violentemente contro una macchina in sosta e si allontana, lasciando una scia di liquido motore e alcuni frammenti della carrozzeria. Questo consente alla Polizia Locale di rintracciare quasi subito il mezzo, abbandonato poco lontano, in via Segantini: la macchina ha danni ingenti sulla parte anteriore ed è priva delle parti raccolte dagli Agenti in via Risorta.
La mancanza di assicurazione dal mese di agosto fa scattare la rimozione poiché, per legge, il mezzo deve essere messo sotto sequestro. Emerge poi, che il responsabile dell'incidente, R.A.F., non aveva mai conseguito la patente, una violazione penale per il Codice della Strada che comporta un processo penale con spese legali e processuali.

«Ciò che accomuna questi tre eventi recenti - sottolinea la nota della Polizia Locale -, ed altri casi di fuga o omissione di soccorso nei quali sono intervenuti i nostri operatori, è che i responsabili sono stati sempre identificati ed hanno avuto conseguenze pesanti, solo per il fatto di non essersi fermati: perciò la Polizia Locale invita a rispettare le regole in caso d'incidente. Per il bene di tutti».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

"Brodo brustolà", antica ricetta della tradizione contadina triestina

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TriestePrima è in caricamento