Cronaca

Incubo controlli al confine Slovenia-Croazia: attese anche di 2 ore

Primo weekend dopo l'ingresso della direttiva europea contro il terrorismo: circa 20 secondi per la verifica di ogni documento

Comincia l'incubo per gli automobilisti e turisti diretti in Croazia per il weekend o le prossime festività pasquali e ponti del 25 aprile e 1 maggio: con oggi, venerdì 7 aprile, è entrata in vigore la direttiva europea che impone alle forze di polizia della frontiera esterna di Schengen il controllo di tutti i documenti di chi esce e di chi entra; ogni carta d'identità o passaporto passerà al vaglio di tre sistemi informatici: il sistema informativo di Schengen, quello dell’Interpol e quello della Slovenia. 

Stando ai siti sloveni e croati in questa prima giornata da incubo, ai valichi tra Slovenia e Croazia nell’area istriana (Sicciole, Dragogna, Socerga, Podgorje, Starod, Brezovica e Jelšane) si registrano le attese che arrivano anche a superare le 2 ore: ogni controllo di documento comporta l'attesa di circa 20 secondi; a "bloccare" il traffico sono in particolare gli autobus turistici. A Dragogna, il valico tra i più trafficati, un'auto attende dai 60 ai 90 minuti per entrare in Croazia, mentre molto più snello è il passaggio al contrario. 

La misura europea è volta al contrasto del terrorismo e il primo ministro croato Andrej Plankovi? ha chiesto «di comprendere che si tratta di un nuovo sistema per garantire maggiore sicurezza».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Incubo controlli al confine Slovenia-Croazia: attese anche di 2 ore

TriestePrima è in caricamento