Dai triestini "Indaco" un variopinto inno alla tolleranza nato nel buio del lockdown

Dopo un 2019 costellato di successi, tra l'esperienza a Sanremo 2019, il singolo "Tonalità" e 50 concerti nel Fvg, i due giovani cantautori tornano con una nuova canzone che "racconta la voglia dei giovani di riprendersi la vita durante e dopo l'emergenza Covid-19". Uscito ieri il video - flashmob, in parte girato in piazza Unità

"Assembramento, vedrai, col tempo, vorrà dire 'Stiamo insieme'": è un verso di "Tinte Unite", il secondo singolo degli Indaco, duo formato dai ventenni triestini Simone Forte e Luisa Pistrin. Un successo estivo dalle sonorità trap e reggaeton che "racconta la voglia dei giovani di riprendersi la vita durante e dopo l'emergenza COVID-19. Scritta durante il periodo di quarantena, porta con sé l'attualità, una forte riflessione sul sociale e una bandiera di forza a favore della Comunità Lgbt+". Il video, uscito in questi giorni, è stato in parte girato in piazza Unità, con un flashmob organizzato per l'occasione.

"Tinte Unite"

Dopo un 2019 costellato di successi, tra l'esperienza a Sanremo 2019, il singolo "Tonalità" (uscito durante l'Onda Pride 2019), e dopo quasi 50 concerti nel Friuli Venezia Giulia tra teatri, club, piazze e manifestazioni, i due giovani cantautori tornano con una nuova canzone che nonostante le sonorità pop si addentra in temi dibattuti e controversi, come il caso di Silvia Romano, i migranti e l'odio che sempre più sembra pervadere i social media. Un odio esploso durante l'epidemia di Covid 19 e il conseguente lockdown, che ha inasprito gli animi e intensificato ogni dibattito. Proprio in questo periodo nasce "Tinte Unite": un compendio di situazioni che tutti hanno vissuto in questo tempo complicato ma soprattutto un invito ad amalgamare i colori e a rispettare quelli diversi dal proprio.

Il videoclip ufficiale del brano raccoglie 50 ragazzi da tutto il mondo, tra cui molti attivisti Lgbt+ famosi su Instagram e TikTok, che con il loro cellulare hanno preso parte ad un unico canto per i diritti. Come le ballerine della scuola A.S.D. Ventaglio di Trieste che, guidate dalla maestra Jana Rivano, hanno tenuto un flashmob in Piazza Unità d'Italia a Trieste il 19 giugno 2020 con una coreografia originale - rigorosamente a 2 metri di distanza l'una dall'altra - costruita sulla nuovissima canzone degli Indaco.

Per ascoltare Tinte Unite e visionare il videoclip: https://youtu.be/cNOKJFYXz7I

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morto in Costiera, addio al presidente del gattile di Trieste Giorgio Cociani

  • Malore in acqua al Pedocin, morto bagnante di 56 anni

  • Ubriaco spacca una bottiglia sul bancone del bar e aggredisce i colleghi: tassista triestino denunciato

  • Referendum: Trieste la provincia italiana con la più alta percentuale di no

  • Scomparsa nel 2019, il suo cadavere a Miramare sette mesi dopo: la vittima si chiamava Karin Furlan

  • Incidente in galleria Carso: quattro auto coinvolte e strada chiusa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TriestePrima è in caricamento