Cronaca

Dai triestini "Indaco" un variopinto inno alla tolleranza nato nel buio del lockdown

Dopo un 2019 costellato di successi, tra l'esperienza a Sanremo 2019, il singolo "Tonalità" e 50 concerti nel Fvg, i due giovani cantautori tornano con una nuova canzone che "racconta la voglia dei giovani di riprendersi la vita durante e dopo l'emergenza Covid-19". Uscito ieri il video - flashmob, in parte girato in piazza Unità

"Assembramento, vedrai, col tempo, vorrà dire 'Stiamo insieme'": è un verso di "Tinte Unite", il secondo singolo degli Indaco, duo formato dai ventenni triestini Simone Forte e Luisa Pistrin. Un successo estivo dalle sonorità trap e reggaeton che "racconta la voglia dei giovani di riprendersi la vita durante e dopo l'emergenza COVID-19. Scritta durante il periodo di quarantena, porta con sé l'attualità, una forte riflessione sul sociale e una bandiera di forza a favore della Comunità Lgbt+". Il video, uscito in questi giorni, è stato in parte girato in piazza Unità, con un flashmob organizzato per l'occasione.

"Tinte Unite"

Dopo un 2019 costellato di successi, tra l'esperienza a Sanremo 2019, il singolo "Tonalità" (uscito durante l'Onda Pride 2019), e dopo quasi 50 concerti nel Friuli Venezia Giulia tra teatri, club, piazze e manifestazioni, i due giovani cantautori tornano con una nuova canzone che nonostante le sonorità pop si addentra in temi dibattuti e controversi, come il caso di Silvia Romano, i migranti e l'odio che sempre più sembra pervadere i social media. Un odio esploso durante l'epidemia di Covid 19 e il conseguente lockdown, che ha inasprito gli animi e intensificato ogni dibattito. Proprio in questo periodo nasce "Tinte Unite": un compendio di situazioni che tutti hanno vissuto in questo tempo complicato ma soprattutto un invito ad amalgamare i colori e a rispettare quelli diversi dal proprio.

Il videoclip ufficiale del brano raccoglie 50 ragazzi da tutto il mondo, tra cui molti attivisti Lgbt+ famosi su Instagram e TikTok, che con il loro cellulare hanno preso parte ad un unico canto per i diritti. Come le ballerine della scuola A.S.D. Ventaglio di Trieste che, guidate dalla maestra Jana Rivano, hanno tenuto un flashmob in Piazza Unità d'Italia a Trieste il 19 giugno 2020 con una coreografia originale - rigorosamente a 2 metri di distanza l'una dall'altra - costruita sulla nuovissima canzone degli Indaco.

Per ascoltare Tinte Unite e visionare il videoclip: https://youtu.be/cNOKJFYXz7I

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dai triestini "Indaco" un variopinto inno alla tolleranza nato nel buio del lockdown

TriestePrima è in caricamento