In piazza anche gli Informatori Scientifici del Farmaco: "Vogliamo essere ascoltati"

Una cinquantina di manifestanti hanno simbolicamente appoggiato le loro borse, simbolo della professione, davanti al palazzo della Regione in piazza Oberdan a Trieste. "Chiediamo l'attenzione della giunta"

Oggi 7 novembre davanti al palazzo della Regione in piazza Oberdan a Trieste per la prima volta gli Informatori del Friuli Venezia Giulia hanno appoggiato le loro borse, simbolo da sempre della loro professione. La manifestazione pacifica è nata dall'esigenza, hanno riferito gli organizzatori, "di farci conoscere, per dire che esistiamo nella grande famiglia dei lavoratori del comparto salute. Il nostro giusto nome è Informatori Scientifici del Farmaco".

Chi sono gli ISF

Laureati in ambito scientifico, la loro professione è regolamentata da direttive europee e leggi dello Stato. "L'Informatore Scientifico del Farmaco è - hanno spiegato - l'unico autorizzato dalla legge a portare al medico una comunicazione tecnico-scientifica sui farmaci. Siamo professionisti del farmaco, dei dispositivi medici, dei presidi chirurgici ed integratori; incaricati della raccolta dei dati per la farmacovigilanza e della corretta applicazione delle normative vigenti in materia farmaceutica".

L'obiettivo della manifestazione

Puntualizzando come la manifestazione non sia nata per ragioni di protesta "contro il governo o le aziende sanitarie regionali o farmaceutiche", gli ISF hanno chiesto a gran voce il riscatto della professione "per cercare di riacquistare l'immagine perduta, per dire che noi abbiamo aiutato, stiamo aiutando e vorremmo continuare ad essere d'aiuto per la società, per la sanità e per la nostra stessa categoria".

Chiesta l'attenzione della giunta

Mostrando cartelli e chiedendo l'attenzione della giunta regionale, gli organizzatori hanno infine auspicato la nascita di una "proficua collaborazione tra loro stessi, le istituzioni e i medici" affinché il loro impegno quotidiano possa trovare regolamentazione sulla base di "linee guida condivise". L'obiettivo? Quello di produrre "una informazione di qualità per il fine ultimo che è la salute del paziente".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zona arancione da domenica in Friuli Venezia Giulia

  • Calci e pugni in faccia a una 13enne, la madre: "Sta malissimo"

  • Il Gambero Rosso premia le migliori pasticcerie d'Italia, cinque sono a Trieste

  • Cadono in moto in galleria San Vito: grave il passeggero

  • Covid in Fvg: l'incidenza per numero di abitanti è da zona rossa, Trieste non fa eccezione

  • Avviata la distribuzione gratuita di saturimetri in farmacia: chi ne ha diritto

Torna su
TriestePrima è in caricamento