Cronaca

Michele Lobianco, l'assessore "umano": «Situazione difficile: persi oltre 500 dipendenti comunali»

L'assessore con le deleghe alle Risorse umane, Servizi al cittadino e "Zoofilia" coordina 2509 lavoratori e deve trovare le soluzioni per far fronte al blocco delle assunzioni

Risorse umane, formazione, qualità e sviluppo, organizzazione e rapporti con il mondo sindacale. Sono queste principalmente le principali mansioni dell'assessore Michele Lobianco (secondo nella classifica delle preferenze dopo il vicesindaco Pierpaolo Roberti alla tornata elettorale) che in pratica «gestisce tutti i dipendenti che spalmati su tutti i servizi comunali si occupano dei cittadini: anagrafe, scuole, area sociale, lavori pubblici, cultura, sport, in realtà l'assessore al personale quindi entra un po' in tutti i settori».

CARENZA DI DIPENDENTI - Si tratta di una «grande struttura organizzativa e adesso dovrò occuparmi dell'annosa questione della "fornitura" di dipendenti. Sapevo di difficoltà dovute a pensionamenti e blocco assunzioni, ma non voglio dire "ho ereditato", so solo che la situazione è molto difficile - sottolinea l'assessore -. C'è bisogno di niove risorse umane, di dipendenti specializzati, molto specializzati. Questa mattina (mercoledì 6 luglio, ndr) ero a verificare la situazione di due centri civici (via Locchi e Teatro Romano) e ho visto una situazione di sofferenza, ho dei bravissimi dipendenti che hanno saltato la pausa pranzo per dare il servizio a tutti i cittadini in fila. Con la prossima settimana completero i giri del "servizio al cittadino" e avrò il quadro completo: sono uno che va negli uffici e lo scorso mandato li ho girato almeno due volte ciascuno». 

LATO UMANO - «L'assessore serve proprio a mediare tecnicismi, burocrazia, rigore, legge, regolamenti. Sarebbe il caso che chi se ne occupa a livello nazionale si impegni a sburocratizzare un po'. L'elemento umano è indispensabile nel mio lavoro - spiega Lobianco - e ho sentito subito un abbraccio dai miei "dipendenti" che mi hanno chiesto di tornare loro assessore. L'aspetto umano è un valore aggiunto. Addirittura il mio lavoro è stato ripreso in due tesi di laurea da due tirocinanti e fui invitato in seguito dal Comune di Modena a esportare il "modello Trieste". Tutto questo poi a "prezzo" di notti insonni perchè ricordo di aver cambiato la vita a centinia di persone assumendoli (scelta colleggiale della Giunta), ma esiste anche un "no" quando si amministra, sempre però cercando di avere un equilibrio nelle proprie azioni: mi dicevano che io ero "severo, ma giusto"».

ZOOFILIA - «Io amo gli animali e quindi la delega "Affari ed educazione zoofila" l'ho chiesta e ottenuta. Sembra una delega "semplice", ma non è così. Tutti i cani sapete che devono essere microcippati, ma anche i gattini delle colonie feline e quindi ogni responsabile ha questo compito (anche i furetti). Approfitto poi per chiedere ai lettori - auspica Lobianco - a fare visita ai canili, è vero che a Trieste non c'è randagismo e abbandono per fortuna, però questo fenomeno dell'adozione on line va bene, ma andate a vederli e prenderli. Ringrazio poi tutte le associaizoni che ci aiutano a creare una rete eccezzionale. Oltre agli animali domestici, per esempio ci occupiamo della zanzara tigre e metodi per debellarle».

CANI IN AUTOBUS - SPIAGGIA - «Finchè non si esaurisce questa benedetta gara europea non avremo un regolamento certo (sperando ovviamente che la spunti la nostra realtà locale), ma so che la Trieste Trasporti, con degli accorgimenti, permette l'accesso dei cani sugli autobus. Sui cani in spiaggia io vorrei creare una vera e propria spiaggia dedicata proprio a loro: penso all'area del terrapieno di Barcola, ma purtroppo al momento è un sito inquinato, ma il pensierino ce l'ho e vediamo».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Michele Lobianco, l'assessore "umano": «Situazione difficile: persi oltre 500 dipendenti comunali»

TriestePrima è in caricamento