Venerdì, 24 Settembre 2021
Cronaca

"Io ne so di più", iniziativa per una scelta consapevole degli studi superiori

14.15 - Manifestazione rivolta ai ragazzi delle terze medie. Andrea Fusco, dirigente dell’Ufficio scolastico provinciale di Trieste: «Iniziative di questo genere riteniamo possano contribuire a ridurre il fenomeno della dispersione scolastica»

Anche quest’anno, per fornire indicazioni dettagliate  agli studenti che frequentano la terza media e alle loro famiglie sulla scelta più idonea relativamente  alla prosecuzione degli studi, l’assessore alla programmazione scolastica e diritto allo studio, Adele Pino, e l’assessore alle Politiche giovanili, Roberta Tarlao, hanno presentato le due iniziative di orientamento informativo: il portale on line La scuola per me e la manifestazione pubblica aperta ai ragazzi e genitori Io ne so di più 5, svolta in collaborazione con l’Ufficio scolastico regionale.
« Decidere quale istituto superiore frequentare è la prima scelta seria che i giovani affrontano nella  vita – ha detto Adele Pino – per questa ragione è importante che siano informati e consapevoli. Il senso dell'iniziativa è quella di  mettere in luce l’intera offerta formativa con  le diverse opzioni di scelta » .

L’appuntamento è alla Stazione Marittima, lunedì 24 novembre, a partire dalle 15.00, con un ricco programma di interventi e la presenza di stand espositivi curati dalle scuole. Dopo l’ intervento introduttivo del vicepresidente della Provincia, Igor Dolenc, sono previsti di contributi di  Pietro Biasiol, dirigente vicario dell’Ufficio Scolastico Regionale del Friuli Venezia Giulia, di Igor Giacomini,dirigente dell’ufficio IV delle scuole con lingua d’insegnamento slovena e dei dirigenti scolastici Gianfranco Angeli, Lucia Negrisin. A chiusura dei lavori l’assessore Adele Pino e Francesca Pedron della Provincia di Trieste affrontano le tematiche collegate al rapporto tra mondo della scuola e quello del lavoro fornendo indicazioni sulle professioni più richieste dal mercato del lavoro. “Una discreta percentuale di studenti nel corso del primo anno di frequenza dell’ istituto prescelto, o in quelli successivi – ha detto Adele Pino - si rende conto di aver effettuato una scelta non coerente con i propri interessi o attitudini e nel tentativo di riorientarsi rischia la dispersione scolastica e o addirittura l’abbandono. 

Nel 2012 in Friuli Venezia Giulia il 13,3 % dei ragazzi ha lasciato la scuola.  Pertanto è importante non seguire l’onda… ma valutare bene le varie opportunità che offrono le scuole secondarie superiori e i percorsi di  formazione professionale » .
 « Iniziative di questo genere, che noi riteniamo possano contribuire a ridurre il fenomeno della dispersione scolastica, sono molto richieste dai ragazzi e dalle loro famiglie – ha detto Andrea Fusco, dirigente dell’Ufficio scolastico provinciale di Trieste – e si rivelano strumenti utili anche per gli istituti scolastici che hanno la possibilità di presentarsi in maniera esaustiva e unitaria”. “Nel corso dell’iniziativa – ha poi precisato


A tutti gli studenti che partecipano verrà consegnata una chiavetta USB contenente la presentazione completa delle scuole cittadine, i quadri degli orari degli specifici indirizzi di studio, i percorsi di  formazione professionale e l’andamento del mercato del lavoro locale. Tra le novità della quinta edizione il servizio di consulenza denominato Gli esperti rispondono attraverso il quale Manuela Astori, Elisa Not e Selenia Umek del Centro di Orientamento della Regione FVG presentano gli strumenti on-line e le attività rivolte a studenti e genitori a supporto della scelta scolastica/professionale. “Puntiamo a presentare e distribuire i questionari riservati ai ragazzi per conoscere attitudini e conoscenze – ha precisato Manuela Astori, coordinatrice del Centro di Orientamento della Regione per Trieste – e il servizio di consulenza gratuito attivo anche in lingua slovena”. Cesira Militello e Tomaz Simcic dell’Ufficio Scolastico Regionale,  forniscono consulenza individuale sui percorsi di studio post-riforma; Veronica Stumpo ed Anna Casasola del Centro Provinciale per l’Impiego della Provincia offrono informazioni e consulenza sulle competenze richieste dal mercato del lavoro e le opportunità di fare esperienza lavorativa.


Sempre al fine di favorire una scelta consapevole nel settore dell’orientamento scolastico, la Provincia di Trieste ha potenziato ulteriormente il portale La scuola per me anche grazie alla fattiva collaborazione delle scuole di ogni ordine e grado. “La guida pratica orienta alla  scelta scolastica, dalla scuola dell’infanzia alle superiori, fornisce informazioni per permettere alle famiglie di orientarsi e scegliere senza ostacoli In questo momento i contenuti del portale sono disponibili  in cinque lingue ma, grazie ai fondi messi a disposizione dall’assessorato all’immigrazione stiamo provvedendo ad aggiungerne altre due l’albanese e il rumeno”. 

L’area web cui si accede attraverso il sito della Provincia di Trieste (www.provincia.trieste.it- sezione Giovani, scuola e sport), è di facile accesso e consultazione ed è organizzata a schede, una per singola scuola. Attraverso questa descrizione la scuola può far emergere quegli aspetti peculiari che ne definiscono l’identità didattica e culturale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Io ne so di più", iniziativa per una scelta consapevole degli studi superiori

TriestePrima è in caricamento