Cronaca

Renzi spacca il Pd, i fedelissimi Rosato e Grim lo seguono

"Ho trascorso dieci anni sfidanti, entusiasmanti, complessi nel Pd e sarò sempre grata a tantissime persone per il percorso che insieme abbiamo costruito" così la consigliera comunale. Il vicepresidente della Camera: "Lealtà al governo Conte"

Antonella Grim in un recente Consiglio comunale

Antonella Grim lascia il Partito Democratico e segue Matteo Renzi. La scissione annunciata ieri dall'ex leader della prima forza d'opposizione parlamentare produce le prime conseguenze anche a Trieste. Ad entrare nella nuova creatura "Italia Viva" è anche Ettore Rosato, fedelissimo renziano che abbandona così il Partito Democratico dopo circa un decennio. La Grim ha quindi scelto di seguire il "rottamatore" aderendo al nuovo progetto politico che potrebbe mettere in crisi la tenuta del governo Conte, anche se è lo stesso Ettore Rosato in un tweet a ribadire la "lealtà all'esecutivo".

Tweet Rosato Italia Viva-2

"Rispetto al grande shock della globalizzazione, per battere la risposta “cattiva” del sovranismo, non basta mettere in campo strumenti di protezione passiva che hanno le loro radici in politiche di welfare e redistribuzione della ricchezza portate avanti nel secolo scorso" queste le prime parole della Grim nel sostenere la scelta. "Accanto a questa risposta, sono convinta vada praticata anche un’altra via". 

Secondo l'ex dem il nuovo percorso "non è una scelta contro il Partito Democratico. Rispetto a questo straordinario partito c'è solo la necessità di fare chiarezza, anche e soprattutto verso elettori ed iscritto". "È una sfida - continua la Grim - che vuole provare a raccogliere quella parte del paese silente e spaesata, non a minare o indebolire il campo del centro sinistra. Ho trascorso dieci anni sfidanti, entusiasmanti, complessi nel Pd e sarò sempre grata a tantissime persone per il percorso che insieme abbiamo costruito". 

Il "mal di pancia", la Grim non lo nasconde, non è iniziato "nelle ultime 48 ore o per qualche canzonetta". L'ex dem infatti ribadisce la scelta affermando che da tempo "non mi sentivo più a casa". "Non potrei mai restare dentro ad una comunità attaccando i suoi segretari, soprattutto provinciale e regionale. Non è il mio stile. Ora è tempo di partire per questa nuova avventura". 

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Renzi spacca il Pd, i fedelissimi Rosato e Grim lo seguono

TriestePrima è in caricamento