Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca

Basta divisioni, la tombola di Natale mette d'accordo la politica triestina

Presentata questa mattina in Municipio la seconda edizione dell'evento che unisce i rappresentanti dei cittadini nel segno della vicinanza verso le persone anziane. Nell'articolo tutte le informazioni utili

Si "scannano" tutto l'anno tra delibere, mozioni e litigi di partito. Poi arriva il Natale e mettono da parte le divisioni, annunciando iniziative trasversali per stare dalla parte dei più deboli. Non è un film, bensì la seconda edizione della "Tombolata natalizia", appuntamento in programma il 17 e il 23 dicembre prossimi rispettivamente all'Itis e a Casa Capon e presentato da alcuni consiglieri comunali e regionali questa mattina nella sala Giunta del Municipio. 

"Quest'anno abbiamo voluto raddoppiare - ha introdotto l'esponente della Lega in Regione, Antonio Lippolis - portando il momento di vicinanza alla popolazione anche a Opicina. Noi rappresentanti dei cittadini saremo presenti per dare un momento di spensieratezza agli anziani che tutto l'anno vivono in condizioni non facili". 

I consiglieri hanno voluto versare un contributo per "organizzare le tombole" e i due eventi che si terranno, a Trieste e a Opicina dalle 15.30 alle 18. "Saremo accompagnati anche da due chitarristi che suoneranno canzoni triestine natalizie" ha sottolineato Lippolis "così ci faremo gli auguri di Natale e, per un momento, non penseremo alla politica". Anche Michele Claudio ha precisato quanto sia "doveroso da parte nostra portare un sorriso alle persone anziane, le nostre radici e la nostra memoria storica". 

Il consigliere regionale del Movimento Cinque Stelle, Andrea Ussai ha sottolineato l'importanza di "essere schierati tutti dalla stessa parte. Il Natale rappresenta un momento in cui si può tirare un sospiro di sollievo e anche per ricordarci che c'è qualcuno che lo vive in maniera più difficile rispetto a noi. L'evento è quindi un modo per essere comunità, andando oltre alle differenze politiche". 

"Questa iniziativa ha un grande carattere simbolico di vicinanza alle persone che non hanno la possibilità di passarlo in famiglia" ha detto Maria Teresa Bassa Poropat, venendo seguita a ruota da Gabriele Cinquepalmi di Fratelli d'Italia. "Il nostro obiettivo è quello di regalare un sorriso, perché anche un piccolo gesto può essere molto importante". Infine Elena Danielis, capogruppo pentastellato in comune: "E' un'iniziativa simbolica perché è trasversale e ha carattere pubblico. L'auspicio è che diventi una tradizione, alla stregua di un gesto di vicinanza verso chi ha bisogno di avere delle persone vicine". 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Basta divisioni, la tombola di Natale mette d'accordo la politica triestina

TriestePrima è in caricamento