Cronaca Via dell'Orologio

La moda dribbla il Covid, il 2020 di Its è digitale: in giuria anche Mika

Tra i giurati anche la designer Paola Antonelli, tra i curatori del MoMa, e l'artista statunitense di origine tedesca, Kiki Smith. 33 i finalisti, provenienti da 16 paesi, che saranno presentati in streaming in una carrellata video sulla piattaforma digitale creata per l'occasione

La grande vetrina dei giovani talenti del design e della moda sfida il Covid e approda anche quest'anno a Trieste con una giuria d'eccellenza che annovera membri quali il cantante libanese Mika, la designer Paola Antonelli, tra i curatori del MoMa, e l'artista statunitense di origine tedesca, Kiki Smith. Si tratta di Its (International Talent Support), presentato oggi, 13 ottobre, in una nuova veste all'insegna dello spirito di adattamento: il luogo di confronto tra i lavori selezionati sarà infatti su una piattaforma digitale appositamente creata, sulla quale i 33 finalisti, provenienti da 16 paesi, saranno presentati in streaming alle 16 di venerdì 23 ottobre, in una suggestiva carrellata video accessibile a chiunque.

"Questa elaborazione cinematica che permetterà di conoscere da vicino i partecipanti, è stata prodotta dal lavoro di 60 persone con 27 video elaborati in 3 giorni di lavoro. Il palazzo della Regione sarà lo scenario delle immagini conclusive di questo video”, ha dichiarato  la presidente di Its Barbara Franchin, specificando che “sarebbe stato più facile saltare questa edizione ma abbiamo deciso di essere resilienti e accettare il cambiamento. L'entusiasmo dei giovani e il nostro affiatamento ci hanno portato a non arrenderci e superare le difficoltà”. A dimostrazione della risonanza globale di Its è stato ricordato che oltre 4mila articoli sono già stati scritti finora sull'argomento, e la manifestazione ha trovato spazio anche su Bbc e Cnn.

In questa edizione il Fvg ricoprirà un ruolo determinante, a partire dallo stesso titolo 'Here we belong'. “Its è in grado di coniugare uno spirito internazionale con un forte attaccamento alle sue radici e al suo territorio – ha spiegato il presidente del Fvg Massimiliano Fedriga – infatti alle immagini dei capolavori selezionati saranno abbinate quelle della nostra terra, offerte da promoturismo Fvg, che saranno ammirate in tutto il mondo. I nostri cittadini girano il globo ma non dimenticano mai le loro radici”.

Presente a nome dell'amministrazione comunale l'assessore Francesca De Santis, che ha rimarcato come in Its “la componente femminile, incarnata dalla forza di Barbara Franchin, è molto marcata, così come la grande attenzione per i giovani. Una fucina di talenti che porta come sempre a Trieste le avanguardie della moda”.

L'assessore al turismo Sergio Bini ha lodato infine la capacità di questo evento di promuovere “un Fvg che ha saputo rilanciarsi dopo il lockdown e che ora è a terzo posto in Italia per la capacità di attrazione dei turisti. Un turismo che con gli ultimi cambiamenti sta virando verso una concezione più vicina al passato: meno masse ma più specificità e fidelizzazione”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La moda dribbla il Covid, il 2020 di Its è digitale: in giuria anche Mika

TriestePrima è in caricamento