Cronaca

Centinaia di giornalisti accusati di diffamazione in Croazia

Secondo Assostampa "l'Associazione dei giornalisti croati si è vista citare in giudizio dalla televisione pubblica che chiede 70 mila euro di danni per alcuni commenti critici nei suoi confronti". La denuncia del corrispondente di Osservatorio Balcani Caucaso Giovanni Vale

foto FNSI

L'Associazione della Stampa del Friuli Venezia Giulia lancia un allarme per la difesa della libertà di stampa in Croazia. Nel paese confinante, secondo l'Assostampa infatti "dal punto di vista della libertà di espressione e della sicurezza dei giornalisti, il 2019 pare cominciare con i peggiori auspici. Gli ultimi giorni del 2018 hanno infatti portato due notizie preoccupanti per i reporter del Paese: prima, un portale satirico è stato condannato per aver scritto delle 'falsità' in un articolo di fantasia; poi, l'Associazione dei giornalisti croati (HND) si è vista citare in giudizio dalla televisione pubblica (HRT) che chiede 70mila euro di danni per alcuni commenti critici nei suoi confronti".

Il corrispondente da Zagabria e la "denuncia"

L'Assostampa poi cita il corrispondente da Zagabria per Osservatorio Balcani Caucaso Giovanni Vale che scrive: "Purtroppo, non si tratta di eccezioni, ma di un trend che si sta confermando: è sempre più frequente, per chi fa giornalismo, essere trascinato in tribunale con l'accusa di diffamazione. L'HND, che in questi giorni sta contando tutte le cause aperte nei confronti dei colleghi, anticipa ad OBCT i dati finora raccolti: 'Vi sono ad oggi più di mille processi in corso contro i giornalisti o i media croati'. E la lista non è completa". "Discutendo con i giornalisti croati e soprattutto con chi è impegnato nei sindacati, non è raro sentirsi dire che la situazione della stampa oggi è 'peggio che negli anni Novanta" prosegue Vale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Centinaia di giornalisti accusati di diffamazione in Croazia

TriestePrima è in caricamento