Cronaca

L'usura bancaria anche a Trieste

27.07.2014 | 9:15 - Un importante diritto taciuto, i modi per avvalersene - qualche esempio nella città giuliana

 Ormai il problema dell’usura praticata da alcuni istituti di credito sta diventando sempre più importante e, purtroppo, sempre più pesante.
E’ del mese scorso la notizia che la Procura di Trani ha indagato per il reato di usura i vertici (o ex vertici in certi casi) di Unicredit, MPS, BNL.

Personaggi come Alessandro Profumo, Luigi Abete, Francesco Gaetano Clatargirone, Giuseppe Mussari ed altri sarebbero stati iscritti nel registro degli indagati.
    E sono sempre più numerose le sentenze della Cassazione Civile e Penale che sanzionano – a vario titolo – i comportamenti che configurano, almeno astrattamente, il reato di usura .
E sì, perché l’usura è un delitto.

Infatti l’ articolo 644 c. p sancisce che “Chiunque, fuori dai casi …, si fa dare o promettere, sotto qualsiasi forma, per sé o per altri, in corrispettivo di una prestazione di denaro o di altra utilità, interessi o altri vantaggi usurari è punito con la reclusione…”; al III comma l’articolo del codice penale prosegue: “La legge stabilisce il limite oltre il quale gli interessi sono sempre usurari.
Sono altresì usurari gli interessi, anche se inferiori a tale limite … che, avuto riguardo alle concrete modalità del fatto, e al tasso medio praticato per operazioni similari, risultano comunque sproporzionati rispetto alla prestazione di denaro o di altra utilità … quando chi li ha dati o promessi si trova in condizione di difficoltà economica o finanziaria”.

Il testo attuale, compreso il III comma che introduce la differenza tra usura oggettiva ed usura soggettiva, è il risultato della modifica apportata dalla legge 108 del 1996 e di successive numerose modifiche.
    Dall’entrata in vigore della l. 108/1996 ogni tre mesi sulla Gazzetta Ufficiale viene pubblicato un Decreto del Ministero dell’Economia che sancisce, per categorie omogenee di operazioni di finanziamento, il tasso medio applicato, base necessaria per calcolare il c. d. tasso soglia, tasso oltre il quale si ha il reato di usura.

Vi è altresì da dire che, anche se l’usura e quella bancaria in specie, costituiscono un reato, i comportamenti che configurano il reato stesso sono spesso oggetto di archiviazione, in quanto risulta difficile provare il c. d. elemento soggettivo (dolo).
Ma l’usura ha anche importanti aspetti civilistici in quanto, se provata, comporta a carico di chi ha commesso il fatto l’obbligo di risarcire il danno (anche morale) e, ex art. 1815 c. c. II comma, la perdita del diritto di ottenere gli interessi: “se sono dovuti interessi usurari la clausola è nulla e non sono dovuti interessi.” In altre parole la persona “offesa ” dal reato di usura è tenuta a restituire solo la somma capitale, senza interessi, mentre il soggetto attivo deve risarcire i danni.
    A Trieste e in Regione, purtroppo si sono dati numerosi casi di usura bancaria, contrastati presso l’Autorità giudiziaria o – in certi casi – con mediazioni o altri accordi stragiudiziali dalla confconsumatori per quanto riguarda i consumatori e dai legali di MCL per le PMI.
    Qualche esempio: a chi scrive è capitato di dovere assistere una persona (consumatore) che, a causa di un prestito astrattamente configurabile come usurario è andata in rovina ed è ora assistita da organizzazioni caritative.
Ancora: alcune piccole imprese sono state “aiutate” a fallire proprio a causa dei tassi usurari che avevano dovuto subire.
In un caso la Banca ha rinunciato a chiedere al curatore fallimentare gli interessi.
    A Trieste poi è capitato di analizzare, unitamente allo Studio Nassiguerra, che è convenzionato sia con MCL che con confconsumatori, degli estratti conto per di piccolo o medie imprese.
Ebbene in alcuni casi, l’usura subita dall’impresa ammontava a circa mezzo milione di euro!
    Purtroppo molti privati e molti titolari di PMI hanno paura di agire in giudizio per tutelare i propri interessi in quanto temono ritorsioni da parte degli Istituti di credito (spesso i finanziamenti sono garantiti da ipoteca).

Ma, per esperienza di chi scrive e di numerosi colleghi in verità le Banche, quando si trovano di fronte ad una perizia ben documentata pagano il dovuto prima ancora di arrivare ad un giudizio.
Che fare allora quanto si sospetta di aver subito usura? Il consiglio è di rivolgersi ad una organizzazione seria e fare calcolare da un esperto i tassi  effettivamente applicati.

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'usura bancaria anche a Trieste

TriestePrima è in caricamento