rotate-mobile
Martedì, 9 Agosto 2022
Il latitante / Duino-Aurisina

“Ladro ingegnere” crea un microchip per rubare carte di credito: arrestato al confine

Il latitante stava andando a costituirsi in Italia. Era ricercato dal 2005. Arrestato dai Carabinieri di Aurisina, dovrà scontare quasi tre anni di carcere

Era ricercato dal 2005 per aver svuotato i conti correnti di diverse persone con un microchip, progettato da lui, in grado di rubare i codici delle carte di credito. Si tratta di un 45enne rumeno, arrestato ieri al confine dai Carabinieri di Aurisina mentre viaggiava a bordo di un autobus di linea diretto dalla Romania in Italia per andare a costituirsi. Lo ha confessato lui stesso ai militari. 

Con il suo master in ingegneria, aveva progettato questi dispositivi che, installati sui lettori Pos o sugli sportelli Atm delle banche, riuscivano a carpire i codici delle carte. Una volta impossessatosi del denaro, poteva garantirsi una vita fatta di vestiti alla moda, soggiorni in alberghi lussuosi e pranzi in ristoranti gourmet. Stavolta, però, grazie al controllo della pattuglia del nucleo Radiomobile di Aurisina, sconterà due anni e dieci mesi di reclusione per indebito utilizzo di carte di credito. La pattuglia lo ha così accompagnato al carcere del Coroneo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Ladro ingegnere” crea un microchip per rubare carte di credito: arrestato al confine

TriestePrima è in caricamento