Lascia l'auto aperta e le rubano il cellulare: denunciati due minorenni a Gorizia

La Polizia ha seguito l’itinerario percorso dallo smartphone rubato, riuscendo ad individuare in corso Italia i due giovani, i quali sono stati trovati in possesso dell’intera refurtiva

Denunciati dalla Polizia per ricettazione due minori algerini di 16 e 17 anni. L'attività della Questura di Gorizia ha avuto inizio nella serata di ieri, 1° maggio, quando una donna ha segnalato un furto nella propria autovettura, parcheggiata lungo via San Gabriele.

I fatti

Gli autori del reato, approfittando della mancata chiusura delle porte, avevano infatti rubato un telefono cellulare e degli occhiali da sole dall’abitacolo, appropriandosi inoltre di 75 euro custoditi all’interno di uno zaino. Gli operatori della volante, ricorrendo ad un’applicazione che consente di  localizzare i telefoni cellulari, hanno seguito l’itinerario percorso dallo smartphone rubato, riuscendo ad individuare in corso Italia i due giovani, i quali sono stati trovati in possesso dell’intera refurtiva. Dopo gli accertamenti, pertanto, gli stessi sono stati denunciati, il telefono cellulare e gli occhiali sono stati restituiti alla legittima proprietaria e una somma di denaro corrispondente a quella sottratta è stata sottoposta asequestro penale.

Potrebbe interessarti

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Come lavare i cuscini in modo corretto, consigli utili

  • Pomodori secchi, proprietà benefiche e preparazione in casa

  • Usi e benefici della lavanda, come coltivare la pianta dal profumo incantevole

I più letti della settimana

  • Schianto mortale a Sant'Andrea: 54enne perde la vita

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Incidente in ex GVT: padre e figlia in ospedale

  • Quattrocento posti per diventare operatore socio sanitario, al via i corsi gratuiti

  • Polli: "Non fuggono dalla guerra, sono palestrati", ma è una foto del cantante Tequila Taze

  • Malore in spiaggia, bambina finisce al Burlo

Torna su
TriestePrima è in caricamento