Cronaca

Latitante dopo la condanna a Trieste per ricettazione, rintracciato in Germania

Un 43enne di origini romene era stato fermato nel 2011 a Fernetti dai carabinieri di Prosecco con 500 chilogrammi di rame, provento di un furto subìto da un'azienda piemontese. Nel 2017 la sentenza del Tribunale e la fuga dall'Italia. Sette giorni fa il "rientro" in Italia scortato dall'Interpol

Immagine di repertorio (Roma Today)

E' stato rintracciato in Germania dagli uomini dell'Interpol e consegnato alle forze dell'ordine italiane il 29 ottobre scorso, il latitante romeno di 43 anni Sain Julian che si era reso irreperibile subito dopo la condanna per ricettazione emessa dal Tribunale di Trieste nel 2017. Sain doveva infatti scontare una pena di due anni e sei mesi di reclusione dopo che il 6 settembre del 2011 i carabinieri di Prosecco l'avevano fermato a Fernetti con 500 chilogrammi di rame, un server e un computer, tutto "provento di un furto" subìto il giorno prima da "un'azienda della provincia di Alessandria". 

Subito dopo il fermo, il 43enne era stato portato in carcere a Trieste assieme ad un connazionale che si trovava con lui al momento del controllo, ed entrambi erano stati indiziati del reato di "ricettazione in concorso". La condanna, alla quale si era sommata nel frattempo la multa di 2000 euro, era tuttavia arrivata appena nel 2017 e, in virtù della fuga dall'Italia di Sain, l'ordine di carcerazione emesso dalla Procura della Repubblica non venne eseguito. 

Le indagini 

I carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Trieste avevano fatto quindi partire immediatamente le indagini per riuscire nella cattura del latitante, che era stato rintracciato proprio in Germania. Dopo la localizzazione, il 21 marzo scorso l'Autorità Giudiziaria italiana aveva provveduto ad emettere il mandato d'arresto europeo. 

Una settimana fa infine il suo rientro in Italia. Scortato da personale dell'Interpol che nel frattempo lo aveva rintracciato oltralpe, Sain Julian è stato consegnato alle forze dell'ordine presso l'Ufficio di Polizia di Frontiera Aerea dell'Aeroporto Internazionale di Roma Fiumicino. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Latitante dopo la condanna a Trieste per ricettazione, rintracciato in Germania

TriestePrima è in caricamento