Doveva scontare otto anni: rintracciato latitante a Gorizia

Aveva commesso una serie di reati contro il patrimonio e la persona. Le sue ricerche si erano indirizzate verso la Germania da quando aveva stabilito la sua residenza ad Ahrensburg, ma oggi è stato rintracciato a Gorizia

Charlie Medeot (Foto: Polizia di Gorizia)

Doveva scontare la pena definitiva di sei anni e otto mesi di reclusione ed un anno e tre mesi di arresto ed è stato rintracciato dalla Polizia di Stato di Gorizia nella mattinata odierna. L'uomo si chiama Medeot Charlie, nato a Gorizia nel 1973 e per lungo tempo abitante a Cormons, noto per i suoi precedenti di polizia e giudiziari.

La pena

Il soggetto era di fatto ricercato perché a suo carico pendeva un Provvedimento di esecuzione di pene concorrenti con contestuale Ordine di esecuzione emesso dalla Procura della Repubblica di Gorizia per una serie di reati contro il patrimonio e la persona, commessi a Cormons, Farra d’Isonzo e Dolegna del Collio tra il 2009 e il 2017, per i quali deve scontare complessivamente quasi otto anni di carcere.

L'arresto

Le sue ricerche si erano indirizzate verso la Germania da quando aveva di recente stabilito la sua residenza ad Ahrensburg, ma nella mattinata odierna, avuto notizia che il ricercato poteva trovarsi a Gorizia, gli agenti si sono subito portati presso un’abitazione del centro cittadino dove, chiedendo di lui, si è avuta conferma della presenza dell’ospite. Medeot Charlie, conclusa la sua latitanza, è stato arrestato e condotto alla locale Casa Circondariale per espiare la pena detentiva.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapina da 195 mila euro a Pola, la fuga e l'arresto sul confine: in manette due poliziotti e un carabiniere

  • Conte: "Se continuiamo così, in due settimane tutte le regioni saranno gialle"

  • Il Friuli Venezia Giulia torna in zona gialla

  • Vietati spostamenti tra regioni, ecco il nuovo Dpcm: cosa cambia

  • Carenza di vitamina D: come riconoscerla e rischi per la salute

  • I migliori panifici di Trieste secondo il Gambero Rosso

Torna su
TriestePrima è in caricamento