rotate-mobile
L'ennesimo arresto / Altopiano Carsico / Località Fernetti

Latitante nascosta tra i profughi ucraini, arrestata "maga" delle gravidanze

Una giovane di 33 anni di nazionalità romena e madre di otto figli è stata fermata dai carabinieri di Aurisina a Fernetti. Sfruttava la dolce attesa per sfuggire al carcere

Una latitante di origine romena è stata arrestata dai carabinieri di Aurisina dopo essere stata fermata all'interno di un pullman che trasportava profughi ucraini. Il fatto è avvenuto nei giorni scorsi durante un normale controllo effettuato dai militari dell'Arma. La donna, arrivata alla nona gravidanza, era stata condannata dal tribunale di Milano per numerosi furti aggravati commessi negli anni scorsi. La donna truffava le sue vittime sfruttando il "vistoso pancione" e alcuni complici. 

La gravidanza le serviva infatti per avvicinare le potenziali vittime che, impietosendosi, le cedevano il posto a sedere. Alzandosi si mettevano inconsciamente nelle mani dei suoi complici. Erano loro ad alleggerire le persone di portafogli o di gioielli che poi, con gesto fulmineo, passavano a lei che nella “dolce attesa” incamerava la refurtiva. "Quando venivano scoperti per lei la fuga era sempre impossibile, ma sfruttando l’evidente gravidanza, non accedeva alle patrie galere ma tornava a casa con una semplice denuncia".

I processi, nel tempo, sono stati celebrati anche in sua assenza, e come i figli crescevano pure le condanne. La donna, però, nel frattempo, era sparita dalla circolazione facendo perdere le sue tracce fino all'arrivo a Fernetti. Dopo le formalità di rito, è stata associata alla locale casa circondariale, dove la cittadina romena di 33 anni dovrà scontare cinque mesi di reclusione per furto aggravato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Latitante nascosta tra i profughi ucraini, arrestata "maga" delle gravidanze

TriestePrima è in caricamento