Cronaca Piazza della Borsa, .

Sciopero della fame: artigiana triestina solidale con i lavoratori Alcatel-Lucent

L'artigiana si dice seriamente preoccupata per la situazione lavorativa della città e per i circa 800 operai Alcatel che rischiano di perdere il posto di lavoro: «Sono stufa di questo continuo menefreghismo dei cittadini... Mi piacerebbe riuscire a coinvolgere i disoccupati e cassaintegrati-in mobilità»

Adriana Simonovich ha annunciato ieri, lunedì 18 maggio, che avrebbe dato il via al suo personale sciopero della fame per manifestare la vicinanza agli 800 lavoratori (e le famiglie) dell'Alcatel-Lucent che rischiano di perdere il posto di lavoro in seguito alla vendita dello stabilimento triestino all'americanaca Flextronics

«Sono un'artigiana seriamente preoccupata della situazione lavorativa della mia città, Trieste - ha scritto su Facebook Adriana -. Ci sono circa 800 operai Alcatel che stanno in agitazione e in sciopero per la paura della loro perdita di lavoro. Se anche questi operai saranno dei disoccupati a giorni, Trieste subirà un tracollo. Come artigiana do il mio contributo: da oggi 18 maggio 2015 sono in sciopero della fame per sostenerli. Perchè io come artigiana? Perchè credo fortemente che è tutto una spirale, se gli operai continuano a perdere il lavoro, l'economia non gira. Io come artigiana non lavoro ma neanche la parrucchiera, la commessa, l'impiegato, il dentista, il panettiere, il muratore e via dicendo».

«Non ho parenti che lavorano all'Alcatel, ma sono stufa di questo continuo menefreghismo dei cittadini... e penso alla mia attività... se continuano a perdere il lavoro chi mi garantisce che io avró lavoro?... Vado in giro in città e vedo negozi chiusi... che tristezza... senza parlare di quelle realtà che non vediamo (segretari-pulitrici-ecc)... - ci spiega Adriana Rimonovich -. Mi piacerebbe riuscire a coinvolgere i disoccupati e cassaintegrati-in mobilità a scendere in piazza... un conto è vedere scritti i numeri... altro è vedere la piazza piena di persone con famiglie... non mi pongo limiti...l'altra volta sono riuscita a fare lo sciopero per 20 giorni e comunque scenderó in piazza della Borsa ogni volta che riuscirò...».

Oggi, martedì 19 maggio, Adriana sarà in piazza della Borsa per fare sentire la sua voce.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sciopero della fame: artigiana triestina solidale con i lavoratori Alcatel-Lucent

TriestePrima è in caricamento