Martedì, 3 Agosto 2021
Cronaca

Lavoro disabili in Fvg: 8914 iscritti al "Collocamento mirato", 1267 curricula segnalati e 518 assunzioni

L'assessore al Lavoro Loredana Panariti in Convegno organizzato dalla Consulta regionale delle associazioni di persone disabili e delle loro famiglie

Foto di repertorio

La creazione di una struttura organizzativa all'interno dell'Agenzia regionale per il lavoro dedicata all'inserimento dei lavoratori con disabilità, il rafforzamento su un piano operativo e programmatorio del raccordo istituzionale tra le politiche di protezione sociale e quelle occupazionali, la messa a sistema delle buone pratiche emerse negli anni ed infine un impulso al lavoro di rete nell'ottica di una semplificazione degli adempimenti.

Questi gli obiettivi conseguiti dalla Regione Friuli Venezia Giulia che l'assessore al Lavoro Loredana Panariti ha illustrato oggi a Trieste nel corso del Convegno organizzato dalla Consulta regionale delle associazioni di persone disabili e delle loro famiglie e intitolato "La criticità dell'accesso al mercato del lavoro per le persone con disabilità in Friuli Venezia Giulia. Quali strategie concrete per incrementare le opportunità di lavoro?"

Le strutture stabili del collocamento mirato operano all'interno dei Centri per l'impiego (Cpi) a stretto contatto con le attività di sportello riservate alla generalità dei cittadini.  «Questo - ha spiegato l'assessore - per garantire una parità di trattamento senza generare luoghi di isolamento, nemmeno quando le condizioni di salute richiedono un'attenzione specifica».

Per quel che riguarda i dati del 2016 aggiornati al 15 novembre, 8914 sono gli iscritti al collocamento mirato in regione, 1907 i colloqui effettuati dagli operatori dei Cpi, 1267 i curricula segnalati alle aziende, 782 i colloqui, 308 i tirocini, ed infine 518 le assunzioni.

L'assessore, ribadendo l'importanza della collaborazione con la Consulta, ha sottolineato che l'obiettivo dell'Amministrazione regionale è quello di "rafforzare il percorso di dignità delle persone" investendo anche nell'informazione rivolta alle aziende in ordine alle possibilità legate alle assunzioni del collocamento mirato.

Ma lo scopo è anche quello di compiere un passo in avanti da un punto di vista culturale, che deve necessariamente iniziare dai giovani. Proprio in questi giorni, infatti, partiranno dei percorsi di alternanza scuola-lavoro che metteranno gli studenti nella condizione di vedere da vicino il lavoro delle strutture del collocamento mirato. In questo modo i ragazzi vedranno i disabili non come persone da assistere, ma come membri attivi della società.

In riferimento alle importanti risorse investite e al numero dei progetti avviati c'è l'intenzione da parte dell'Amministrazione regionale di riattivare una serie di incontri «per valutare il percorso che si sta facendo», ha rilevato ancora l'assessore Panariti.

«Quello che è stato testimoniato oggi - ha affermato il presidente della Consulta Vincenzo Zoccano - è che in Friuli Venezia Giulia sul fronte del collocamento mirato non siamo all'anno zero. Anzi,
rappresentiamo un faro rispetto ad altre realtà nazionali. Questo - ha concluso Zoccano - deve essere uno sprone per continuare a lavorare nella direzione giusta collaborando con la Regione».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavoro disabili in Fvg: 8914 iscritti al "Collocamento mirato", 1267 curricula segnalati e 518 assunzioni

TriestePrima è in caricamento