Coronavirus, Riccardi: "Lazzaretto di Muggia resti struttura per quarantene"

Lo ha richiesto il vicegovernatore Riccardi a margine di un incontro in videoconferenza con il prefetto di Trieste, Valerio Valenti, e i vertici dell'Autorità militare proprietaria dell'immobile

"C'è la necessità che la struttura di Muggia continui ad essere gestita dalla Protezione civile regionale per essere destinata agli isolamenti e alle quarantene da Coronavirus". Ne dà notizia il vicegovernatore con delega alla Salute del Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi, a margine di un incontro in videoconferenza con il prefetto di Trieste, Valerio Valenti, e i vertici dell'Autorità militare proprietaria dell'immobile. "Ringrazio per la disponibilità ottenuta auspicando di aver superato un problema tecnico - ha spiegato Riccardi - che per un momento aveva messo in dubbio la possibilità da parte del Sistema sanitario regionale di poter usufruire di quella struttura".

"Da parte mia - ha detto ancora il vicegovernatore - oltre alla disponibilità della Protezione civile Fvg a intervenire con i lavori del caso, ho fatto presente il particolare momento dell'emergenza Covid che stiamo attraversando, nel quale si presentano diversi casi di persone provenienti dai paesi dell'Area balcanica che, dovendosi sottoporre a quarantena, non sempre possono farlo all'interno del loro domicilio". Il vicegovernatore, infine, ha concluso affermando come la collaborazione istituzionale rappresenti un elemento indispensabile "per affrontare con successo questa fase emergenziale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Fedriga: “Il Fvg non andrà in zona rossa”

  • Trovata morta in mare a Grignano: aveva 62 anni

  • Conte: "Se continuiamo così, in due settimane tutte le regioni saranno gialle"

  • Rapina da 195 mila euro a Pola, la fuga e l'arresto sul confine: in manette due poliziotti e un carabiniere

  • I migliori panifici di Trieste secondo il Gambero Rosso

  • Carenza di vitamina D: come riconoscerla e rischi per la salute

Torna su
TriestePrima è in caricamento