Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Commemorazione anniversario Leggi razziali, il rabbino Meloni: "Auspico che Trieste rimanga sempre una città di dialogo e accogliente come deve essere"

Il rabbino capo Alexander Meloni della comunità ebraica triestina ha partecipato alla commemorazione dell'anniversario delle Leggi razziali proclamate da Mussolini il 18 settembre 1938. "L'antisemitismo come un virus, muta con il tempo"

 

Il rabbino capo della comunità ebraica di Trieste Alexander Meloni è intervenuto alla commemorazione dell'ottantesimo anniversario delle Leggi razziali proclamate dal fascismo in piazza Unità d'Italia il 18 settembre 1938. Meloni ha usato parole decise per condividere la condanna verso il regime di Mussolini responsabile delle violenze nei confronti del popolo ebraico. Meloni ha rimarcato come "l'antisemitismo sia come un virus, muta con il tempo". Il rabbino ha preso la parola dopo l'intervento dell'assessore alla Cultura del Comune di Trieste Giorgio Rossi. Alla cerimonia presente anche il giornalista del Corriere della Sera Beppe Severgnini. 

Il discorso di Rossi 

Severgnini: "Il fascismo era pericoloso e malvagio"

Potrebbe Interessarti

Torna su
TriestePrima è in caricamento