rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Cronaca

#LeParoleContano: nasce in Fvg la prima libreria virtuale contro stereotipi e pregiudizi

Dal progetto della Cisl Fvg e del suo Coordinamento Donne prendono vita i primi 30 podcast. A dare la voce, l’attore e regista teatrale Massimo Somaglino

Dopo quasi due anni di lavoro, ininterrotto nonostante la pandemia, il progetto #LeParoleContano della Cisl Friuli Venezia Giulia e del Coordinamento Donne del Sindacato, arriva ad un traguardo importante: la creazione della prima libreria virtuale open source, dedicata alle parole e al tema delicatissimo della parità di genere. Attraverso una (iniziale) trentina di podcast, affidati alla voce dell’attore e regista teatrale Massimo Somaglino e destinati alle principali piattaforme di diffusione come Spotify, ma anche alle scuole del territorio regionale e nazionale, #LeParoleContano punta a superare pregiudizi, stereotipi e discriminazioni, riagganciando l’uso corretto del linguaggio ad alcune delle aree più sensibili rispetto alla parità: la cura, ovvero la medicina di genere, la contrattazione, la conciliazione e la comunicazione. Il progetto – nato su sollecitazione della Cisl, dalla vena creativa della sociologa Raffaella Cavallo – sarà raccontato dai suoi protagonisti, giovedì 25 novembre, dalle 15 al teatro di Palmanova, Comune patrocinante l’iniziativa.

25 novembre, "una data non casuale"

“Una data non casuale” – spiegano per la Cisl Fvg e il Coordinamento Donne, Claudia Sacilotto e Luciana Fabbro, ricordando la giornata internazionale contro la violenza sulle donne. “Il nostro progetto vuole, infatti, lanciare un messaggio chiaro e universale, un monito contro la violenza fisica e verbale, i soprusi, la prevaricazione che si può esercitare sia con i gesti, sia, appunto, con le parole”. Le parole, dunque, che tutto raccontano e a cui tutto ritorna, in un esercizio che non è solo linguistico, ma prima di tutto culturale. A riportarle al loro significato ci hanno pensato decine di persone, estranee tra loro, “esperti di vita quotidiana”, coinvolti in un progetto corale dagli ampi orizzonti. Persone che si sono incontrate, virtualmente e in presenza, per mettersi in gioco, confrontarsi, discutere, condividere esperienze e trovare significati univoci intorno a 16 parole, individuate come chiave dai docenti universitari Maria Dolores Ferrara (università di Trieste), Valeria Filì e Fabiana Fusco (università di Udine), e, ancora Luca Fabris (università di Padova) e tra quelle maggiormente distorte. Parliamo di vocaboli come genere, sessismo, maternità, uguaglianza, vulnerabilità, solo per fare qualche esempio.

Rispetto e tolleranza

A raccontarli e a ripercorrerli saranno, nella giornata del 25, non solo i docenti, ma anche i coordinatori dei vari gruppi di lavoro e, soprattutto, i primi podcast disponibili presentati in anteprima assoluta. Così come sarà presentata anche l’opera Il Limite noto della giovanissima artista Sofia Cappello, che per l’occasione verrà intervistata dalla giornalista Luana De Francisco e insignita di una borsa di studio dalla Cisl Fvg per il bellissimo lavoro realizzato che si sposa perfettamente con il progetto #LeParoleContano, raccontando i pregiudizi, ma soprattutto invitando le persone a superarli, attraverso un’istallazione emotivamente molto forte e coinvolgente. “Con l’evento del 25 vogliamo dare voce a chi crede ancora in una parità di genere possibile, in una convivenza dove a prevalere siano il rispetto e la tolleranza, e non lo stereotipo ed il pregiudizio. Il progetto #LeParoleContano, però, non si chiuderà a fine mese, ma ripartirà nuovamente a gennaio prossimo, con nuove parole e soprattutto con uno sguardo molto più ampio, esteso anche alla Slovenia, grazie al finanziamento di un progetto Erasmus +.

Per partecipare all’evento (ingresso consentito solo con Green Pass) occorre registrarsi su: https://www.eventbrite.it/e/biglietti-leparolecontano-viaggio-nella-parita-di-genere-attraverso-il-linguaggio-208496387307

In Evidenza

Potrebbe interessarti

#LeParoleContano: nasce in Fvg la prima libreria virtuale contro stereotipi e pregiudizi

TriestePrima è in caricamento