rotate-mobile
Il fenomeno

Mille euro a testa e più di 170 milioni l'anno: quanto spende Trieste nel gioco d'azzardo

I dati del gaming online sono stati diffusi da un report realizzato da Cgil e Federconsumatori per quanto riguarda il 2022. Sul territorio nazionale il fenomeno vale oltre 70 miliardi di euro. Per spesa complessiva, giocata pro capite e popolazione residente la provincia giuliana è prima in Italia

TRIESTE – Mettendo a sistema la popolazione residente, la fascia d’età e la spesa pro capite dedicata al fenomeno, Trieste è il capoluogo provinciale d’Italia dove il gioco d’azzardo online è più presente. A dirlo è il “Libro nero sull’azzardo”, pubblicazione curata dalla Cgil e da Federconsumatori e presentata a livello nazionale nei giorni scorsi. Nel 2022 nella nostra città si sono spesi oltre 170 milioni di euro nel gioco d’azzardo online, cifra che fa registrare un incremento di poco inferiore all’uno per cento rispetto ai numeri registrati nell’anno precedente e che, nonostante la distanza tra il capoluogo regionale e gli oltre 400 milioni che si spendono a Ragusa sia particolarmente marcata, evidenzia un fenomeno a dir poco preoccupante.

Il report

“Il focus del documento – si legge nel report - verte sulle cifre del fenomeno online, sulla sua crescita apparentemente inarrestabile e sulle evidenti anomalie dei dati del gioco da remoto nel nostro Paese”. Il sottotitolo è dedicato alle mafie, le dipendenze e l’impatto che il fenomeno ha tra i giovani. Il gaming online, infatti, fa gola alla criminalità organizzata, perché l’azzardo da remoto rappresenta “indubbiamente uno dei più importanti canali di riciclaggio di capitali sporchi”. Per capirci, a Casal di Principe la spesa pro capite del gaming è pari a 4.513 euro, e nei comuni sciolti per infiltrazione mafiosa i numeri sono a dir poco impressionanti. 

Leggi il report

Nessuno è immune al gaming

I dati mostrano come nessuna città in Italia sia immune al gaming. La fascia tra i 18 e i 74 anni (qui si concentra la quasi totalità dei giocatori), nel nostro Paese spende di media oltre 1700 euro l’anno. In provincia di Trieste sono più o meno 1.070 gli euro che la fascia di età sopramenzionata, in media gioca da gennaio a dicembre. Nel comune giuliano sono 1.071, mentre nelle altre municipalità della provincia sono di poco inferiori ai 1.060. Sono 107 i capoluoghi di provincia, con Trieste che si posiziona novantaseiesima. In regione Pordenone è 101esima, mentre Udine è ottantottesima. Gorizia è il luogo in Friuli Venezia Giulia dove la spesa pro capite è la più alta di tutte, di poco superiore a 1.400 euro.

Oltre 70 miliardi giocati online

In Italia il gaming vale cifre spaventose. Sono più di 70 i miliardi di euro che nel 2022 sono stati giocati da remoto. Aggiungendo l’azzardo legale, gli italiani hanno speso 136 miliardi di euro, con una crescita del 22,3 per cento rispetto l’anno precedente. Una cifra che supera il 7 per cento del prodotto interno lordo italiano. “L’azzardo da remoto – continua il report - rappresenta un canale di gioco il cui livello di consolidamento e di espansione è indicativo di modifiche strutturali sia nelle abitudini di gioco che nell’offerta di azzardo disponibile e implementabile sulle piattaforme. La modalità di gioco fisica è però tutt’altro che superata e, in molte realtà territoriali, si sta ritornando ai valori assoluti pre-pandemia”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mille euro a testa e più di 170 milioni l'anno: quanto spende Trieste nel gioco d'azzardo

TriestePrima è in caricamento