rotate-mobile
Venerdì, 3 Dicembre 2021
Cronaca

Burgo annuncia 100 licenziamenti, Russo-Moretti: "Rischio grave crisi sociale"

L'azienda ha annunciato il licenziamento di 92 operai e 8 impiegati. Moretti e Russo presentano un'interrogazione alla Giunta: "Chiediamo lo stato dell'iter per la Valutazione di impatto ambientale del pirogassificatore la cui realizzazione è condizione necessaria per salvare l'azienda e il lavoro dei cittadini del nostro territorio"

È scattata la procedura per il licenziamento di 92 operai e 8 impiegati della cartiera Burgo di Duino. Lo ha annunciato ieri, 19 novembre, l'azienda. Come riportato dal TgR Fvg, i licenziamenti saranno operativi allo scadere degli ammortizzatori sociali in atto.

Altre 62 persone saranno licenziati nella fabbrica di Verzuolo in provincia di Cuneo.

"Quella dalla cartiera del Timavo rischia di essere una crisi sociale grave se non viene affrontata coinvolgendo tutti gli attori necessari, è importante che la Regione faccia la sua parte". Hanno dichiarato i consiglieri regionali del Pd, Francesco Russo (vicepresidente del Consiglio regionale) e Diego Moretti.

Interrogazione alla Giunta

"C'è forte apprensione per il destino dei 100 lavoratori coinvolti nel procedimento di licenziamento collettivo dello stabilimento triestino e proprio per aver chiarezza dello stato di fatto, abbiamo presentato un'interrogazione alla Giunta su due temi importanti - affermano i due consiglieri -. Da quanto si apprende dai media esiste un'interlocuzione importante tra Regione, azienda e sindacati, che avrà sicuramente il suo apice nell'incontro del 30 novembre sul piano di riconversione del gruppo.

"È fondamentale che la Regione arrivi preparata a quell'appuntamento e proprio per questo è importante sapere quali azioni abbia pronte per scongiurare la prosecuzione del licenziamento collettivo".

Valutazione ambientale del pirogassificatore

Secondo i consiglieri dem "si ricollega a questo il tema del possibile intervento acquisitorio della linea 2 della Burgo da parte della Cartiera di Ferrara, disponibilità vincolata alla realizzazione di un pirogassificatore per ridurre i costi di smaltimento degli scarti di lavorazione, garantendo notevoli risparmi gestionali. A questo punto - concludono - chiediamo lo stato dell'iter per la Valutazione di impatto ambientale del pirogassificatore la cui realizzazione è condizione necessaria per salvare l'azienda e il lavoro dei cittadini del nostro territorio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Burgo annuncia 100 licenziamenti, Russo-Moretti: "Rischio grave crisi sociale"

TriestePrima è in caricamento