Martedì, 28 Settembre 2021
Cronaca Barcola - Gretta

Lotta alla contraffazione: altre 6 persone denunciate dai Carabinieri di Trieste

19.15 - Si tratta di cinque venditori ambulanti a Barcola e una cittadina cinese proprietaria di un negozio in via Ghega

Le forze dell'ordine di Trieste rispondono immediatamente all'appello del Ministro Alfano "contro i vu' cumpra" (termine che ha scatenao l'indignazione della classe politica e non solo). Comunque si tratta di un giro di vite a un'attività anti contraffazione che i Carabinieri del capoluogo giuliano svolgono regolarmente lungo il litorale.

Nel corso del pomeriggio di ieri, 12 agosto 2014, verso le ore 17.30, nell’ambito di servizi preventivi opportunamente predisposti per il contrasto dell’abusivismo commerciale e la vendita di merce contraffatta una pattuglia dei Carabinieri del Nucleo Investigativo ha individuato in momenti diversi cinque cittadini senegalesi che vendevano ai bagnanti di Barcola la propria mercanzia, in particolare ciabatte Havaianas, bracciali in stoffa Cruciani e bracciali di marchio Centimetro, oltre ad altri oggetti di altre marche: in totale 320 articoli del valore commerciale di circa 5.000 euro.

Gli immediati accertamenti hanno condotto i Carabinieri a individuare il luogo dove era stata acquistata la merce sequestrata ai senegalesi: un negozio gestito da cittadini cinesi di via Ghega. Anche qui, presso l’esercizio commerciale di Borgo Teresiano, sono stati posti sotto sequestro merci con marchio contraffatto.

I cinque cittadini senegalesi e la cittadina cinese - titolare dell’esercizio commerciale -, tutti residenti a Trieste sono stati denunciati in stato di libertà per ricettazione e commercio di articoli con marchio contraffatto. Si tratta di B.D., nato in Senegal nel 1958, O.D., nato in Senegal nel 1958, A.D., nato in Senegal nel 1955, A.K., nato in Senegal nel 1966, M.W., nato in Senegal nel 1981, e B.X., nata in Cina nel 1979. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lotta alla contraffazione: altre 6 persone denunciate dai Carabinieri di Trieste

TriestePrima è in caricamento