Cronaca

"M'illumino di meno", AcegasApsAmga: «Evitata emissione di 2.200 ton di Co2»

«Il risultato è dovuto al sistema di gestione energia adottato a fine 2015 e certificato secondo le norme Uni I 50001»

Grazie alla certificazione energetica è stata evitata l’emissione di circa 2.200 ton di CO2 in seguito alla collaborazione con gli Enti Locali del territorio per lo spegnimento programmato di alcuni tratti di illuminazione pubblica in occasione di M’illumino di meno. L’impegno di AcegasApsAmga sul fronte del risparmio e dell’efficienza energetica ha abbracciato il 2015 e il 2016 e proseguirà nel corso del 2017, grazie soprattutto al sistema di gestione energia certificato secondo le norme Uni I 50001 da fine 2015. La certificazione ha consentito la definizione di un piano, comprendente allo stato 50 azioni, per portare miglioramenti all’efficienza energetica dei processi industriali gestiti. Ad esempio il sollevamento delle acque, i processi di depurazione dei reflui, ma anche la gestione delle sedi aziendali  e del parco automezzi utilizzato per la raccolta rifiuti. Il complesso di questi interventi ha consentito di risparmiare fino a oggi circa 1.300 Tonnellate di Petrolio Equivalenti (TEP), l’unità standard che misura il risparmio energetico a prescindere dalla fonte utilizzata (energia elettrica, gas, carburante, ecc.). Tale risparmio si è tradotto nella mancata emissione di 2.200 ton di CO2.

Illuminazione pubblica più intelligente
Oltre all’efficientamento energetico interno, AcegasApsAmga è fortemente impegnata nei comuni del Nordest in cui gestisce la pubblica illuminazione, nella riqualificazione della stessa secondo criteri di sostenibilità ambientale. In particolare nel periodo 2015 - 2016 sono stati realizzati interventi su 58 comuni con un risparmio complessivo di 2000 TEP (pari a 3.400 ton di CO2 in meno emessa). Gli interventi, che stanno proseguendo anche nel corso del 2017, hanno visto numerosi interventi di riqualificazione dei corpi illuminanti con graduale utilizzo dei sistemi a LED, ma anche installazione di sistemi per la riduzione del flusso luminoso nelle ore notturne e sistemi per  la regolazione degli orari di accensione degli impianti con orologi di tipo astronomico. Fra i numerosi interventi realizzati si ricordano quelli in Piazzale d’Annunzio e via Mercato Vecchio a Udine, in zona Industriale e in via XX settembre a Padova, in piazza Ponterosso e in viale XX settembre a Trieste.

Il supporto alle imprese per ottenere certificati bianchi
Di particolare rilievo anche il lavoro svolto a supporto delle imprese per l’ottenimento di certificati bianchi, in collaborazione con il Gruppo Hera. In quest’ambito si inserisce la collaborazione appena attivata con Confindustria Friuli Venezia Giulia che prevede un servizio di consulenza e assistenza gratuita per le aziende associate finalizzato sia a individuare le opportunità di sviluppo di progetti di efficientamento energetico idonei ad accedere al sistema incentivante dei cosiddetti “certificati bianchi” che la consulenza in sede di redazione dei piani di efficientamento energetico per l’ottenimento dei contributi.


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"M'illumino di meno", AcegasApsAmga: «Evitata emissione di 2.200 ton di Co2»

TriestePrima è in caricamento