Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca

Il lavoro a Trieste nell'Analisi Storica della Provincia

Andamento mercato del lavoroErgon@t è il sistema informativo regionale per l’automazione degli adempimenti e dei servizi dei Centri per l’Impiego. Grazie a estrazioni periodiche effettuate dal database di tale sistema è possibile elaborare dati di...

Andamento mercato del lavoro
Ergon@t è il sistema informativo regionale per l'automazione degli adempimenti e dei servizi dei Centri per l'Impiego. Grazie a estrazioni periodiche effettuate dal database di tale sistema è possibile elaborare dati di flusso derivanti dalle comunicazioni obbligatorie relative al periodo temporale di interesse, ottenendo così la possibilità di avere una visione generale dell'andamento dei flussi del mercato del lavoro (avviamenti, cessazioni).
I dati relativi agli avviamenti al lavoro, alle cessazioni e ai saldi presentati in questo rapporto sono stati estratti da Ergon@t alla data del 12 luglio 2013. Tali dati possono essere soggetti a lievi modifiche nel corso del tempo, poiché l'inserimento delle pratiche relative agli avviamenti e alle cessazioni negli archivi informatici non sempre avviene in tempo reale. Inoltre, nei dati riportati sono comprese anche le comunicazioni obbligatorie riferite al lavoro domestico, che però sono inoltrate all'INPS e in seguito registrate negli archivi informatici regionali. Per questo motivo è possibile che vi siano delle discrepanze tra i dati riportati in questo report e quelli riportati in altre precedenti analisi dell'andamento del mercato del lavoro.
Nella Tabella 1 sono riportati i dati sulle assunzioni effettuate nel periodo dal 2007 al 2012.

Dal 2007 al 2012, per la domanda di lavoro dipendente in provincia di Trieste, si evidenzia una contrazione significativa con una perdita di 11.836 nuovi rapporti di lavoro avviati pari a un decremento percentuale del 21.7%.
L'analisi storica delle cessazioni evidenzia un trend stabile, a eccezione del picco di rapporti di lavoro conclusi nell'anno 2008.
Dall'analisi dei saldi emerge chiaramente la situazione di grave crisi occupazionale presente sul territorio locale: se nel 2007 il saldo occupazionale descrive un mercato del lavoro vivo e ricettivo, nel 2012 si evidenzia un saldo negativo di 1.691 rapporti di lavoro che rappresenta pienamente la scarsa richiesta di lavoro dipendente nella nostra provincia. Inoltre, è importante rilevare che, mentre gli avviamenti riguardano unicamente i nuovi rapporti di lavoro nell'anno di riferimento, le cessazioni si riferiscono a chiusure di rapporti di lavoro avviati sia nel medesimo anno sia in quelli precedenti, e pertanto quelle non compensate rappresentano opportunità occupazionali perse.


Centro per l'Impiego
FLUSSI DI UTENZA
Di seguito sono riportati i dati del monitoraggio relativo al flusso di utenza presso il Centro per l'Impiego relativamente agli anni dal 2009 al 2012. In particolare, si evidenzia il dato del numero totale di utenti che hanno rilasciato la "Dichiarazione di disponibilità al lavoro" e che hanno sottoscritto il "Patto di servizio" con il Centro per l'impiego, secondo quanto previsto nel D.P.Reg. dd. 5 luglio 2005, n. 0227/Pres (Tabella 6).
La "Dichiarazione di disponibilità al lavoro" consiste in una dichiarazione con la quale l'utente, oltre ad attestare l'eventuale attività lavorativa in precedenza svolta, si rende immediatamente disponibile allo svolgimento e alla ricerca di un'attività lavorativa secondo le modalità definite con i servizi competenti. Il rilascio della "Dichiarazione di disponibilità al lavoro" è indispensabile al fine dell'acquisizione dello stato di disoccupazione. Il "Patto di Servizio" è un accordo in forma scritta, di validità annuale, stipulato all'atto del rilascio della dichiarazione di disponibilità dell'utente con il Centro per l'Impiego (CPI).


Come riportato nella Tabella 1, il flusso di utenza presso il CPI è in costante crescita. In particolare, dal 2009 al 2012 il flusso è aumentato di 3.990 unità, pari a +42,3%.
Da un'analisi di genere degli utenti del CPI si evidenzia una maggior presenza di donne in tutte le annualità prese in considerazione; nessuna differenza di genere significativa si riscontra, invece, per il trend dal 2009 al 2012.

Gallery

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il lavoro a Trieste nell'Analisi Storica della Provincia

TriestePrima è in caricamento